Maltempo: Protezione Civile dirama allerta meteo anche per domani

Maltempo, protezione civile dirama allerta meteo su sei regioniContinua l’ondata di maltempo che si è abbattuta sull’Italia negli ultimi giorni. Per la giornata di domani la Protezione Civile ha diramato un’allerta meteo riguardante sei regioni.

Il maltempo che si è abbattuto in questi giorni sulla nostra Penisola (ad inizio settimana c’è stata anche una tromba d’aria a Livorno), in prevalenza sulle regioni adriatiche, è destinato a continuare durante tutta la giornata di domani. Nella giornata di oggi le regioni interessate dai rovesci temporaleschi sono state principalmente quelle che si affacciano sul mar adriatico (dal veneto sino alla Puglia, dove ci sono stati i maggiori disagi), nella giornata di domani i rovesci, sempre a carattere temporalesco, interesseranno alcune regioni del nord-ovest – Lombardia, Piemonte e Liguria – il Molise e la Puglia a partire dalle ore serali e per estensione in quelle notturne. Da lunedì il maltempo si dovrebbe spostare anche al meridione, principalmente nella Calabria meridionale e nella Sicilia orientale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Protezione Civile: allerta meteo su sei regioni

Esistendo il rischio che le precipitazioni di domani causino danni idrogeologici, per evitare che i temporali della serata di domani causino feriti, la Protezione Civile ha diramato l’allerta meteo gialla su Lombardia, Liguria, gran parte del Piemonte, il Molise, l’Abruzzo e la Puglia. Nello stesso comunicato (che potete leggere cliccando su questo link) viene specificato che i reparti della Protezione Civile delle singole regioni si occuperanno di monitorare la situazione e di intervenire qualora ce ne fosse bisogno. Possibile, infatti, che i danni si verifichino semplicemente in un singola zona del territorio ed ogni unità, di concerto con il Dipartimento agirà di conseguenza. A tutti i cittadini è inoltre ricordato di attuare le norme di sicurezza previste nel caso di maltempo, norme che è possibile consultare sul sito dell’ente.