Spread oggi venerdì 12 luglio: andamento in tempo reale

Spread oggi
Borsa (iStock)

In seguito all’asta di Btp di ieri, il valore dello spread è sceso sotto la soglia dei 200 punti: vediamo qual è il rendimento di oggi in tempo reale.

Non poteva esserci periodo migliore per vendere all’asta i Btp ed infatti durante la vendita di ieri, i titoli di stato italiani a scadenza triennale e quelli a scadenza settennale sono andati a ruba. Sono stati assegnati circa 3 miliardi di titoli Btp con scadenza a 3 anni aventi un tasso di rendita allo 0.49% (contro 1.05% dello scorso 13 giugno) e 2,5 miliardi di titoli con scadenza a 7 anni aventi una percentuale di rendita del 1.24% (in giugno era all’1.88%).

Proprio grazie ai numeri fatti registrare dall’asta dei titoli di stato lo spread è sceso sotto la soglia dei 200 punti, arrivando a toccare i 193 nei momenti immediatamente successivi alla conclusione dell’asta (ecco come funziona lo spread). Prima della chiusura di ieri il valore è salito leggermente attestandosi a quota 196 punti, ciò nonostante si tratta del valore più basso dal secondo periodo di maggio 2018. Questa mattina si partirà da quota 198.5 punti, vedremo se si riuscirà ad abbassare ulteriormente il valore dei titoli di stato rispetto ai Bund o se si tornerà sopra la soglia dei 200 punti dopo l’exploit di ieri.

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Andamento degli Spread europei rispetto ai Bund

A guidare la classifica dei rendimenti dello spread rispetto ai titoli di stato tedeschi è sempre la Danimarca che migliora leggermente l’andamento di ieri e si attesta con un differenziale a 7.7 punti. Crollo verticale invece per i Paesi Bassi che dai 15 punti di ieri è passato ai 34.5 di questa mattina. Bene invece Austria (25.9), Finlandia (26.5) e Francia (28.8) e Belgio (36.1) che migliorano leggermente. Passo deciso in avanti per lo spread dell’Irlanda che da quota 50 punti passa a 45, mentre peggiora quello della Spagna, di nuovo sopra la soglia dei 70 punti, e quello del Portogallo (85 punti).