Chi è Alessandra Locatelli: carriera e curiosità sul ministro della Famiglia

Chi è l’esponente della Lega Alessandra Locatelli: carriera e curiosità sul ministro della Famiglia, dagli inizi alla nomina di Mattarella.

alessandra locatelli
(screenshot video)

Piccolo rimpasto nel governo guidato da Giuseppe Conte e formato dalla coalizione tra Movimento 5 Stelle e Lega: infatti, il ministro Lorenzo Fontana trasloca dal ministero della Famiglia e Disabilità a quello degli Affari europei. Al suo posto arriva Alessandra Locatelli, anche essa come il suo predecessore esponente della Lega. infatti, la deputata e neo ministro, militante della Lega Nord e dal marzo 2016 segretaria cittadina a Como, è una delle esponenti più in vista in Lombardia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Alessandra Locatelli: polemiche e controversie

Alle elezioni amministrative del 2017, viene eletta nel Consiglio comunale di Como e poi scelta dal sindaco Mario Landriscina come assessore e vicesindaco. Viene quindi eletta alla Camera dei deputati il 4 marzo 2018, nella circoscrizione Lombardia 2, collegio plurinominale Lombardia 2 – 02. Successivamente, entra a far parte della commissione Affari sociali alla Camera. Infine, oggi 10 luglio 2019, viene designata come nuovo ministro per la famiglia e le disabilità del Governo Conte.

Oltre al suo nome, si era fatto quello di Manuela Lanzarin, assessore alla Sanità del Veneto, vicina al mondo del Family Day. Molto giovane, classe 1976, salviniana di ferro e con una laurea in Sociologia in tasca, Alessandra Locatelli è educatrice specializzata nella cura delle persone affette da disabilità psichica. Diverse le battaglie politiche, alcune abbastanza controverse, che ha portato avanti negli anni: tra queste, le ordinanze contro i clochard e contro i venditori di rose e di mimose e quella che scatenò molte polemiche circa la richiesta di ritirare dagli uffici pubblici della Lombardia i ritratti del presidente della Repubblica, appoggiata dalla Locatelli e firmata dal segretario lombardo della Lega Paolo Grimoldi.