Conferenza stampa Marco Giampaolo in diretta: le parole del nuovo allenatore del Milan

Si parte. Oggi alle 17 ci sarà la conferenza di presentazione del neo-allenatore del Milan Marco Giampaolo che risponderà alle domande della stampa

Calciomercato Milan, Giampaolo ha rescisso il contratto con la Sampdoria
(Getty Images)

Oggi partirà ufficialmente la nuova stagione del Milan e potrai seguire con noi la diretta dell’evento con il live blogging dalle ore 17.00.

Che cosa ne pensa dell’operato di Gattuso al Milan?
“L’ho elogiato per come si è preso le sue responsabilità. Lo scorso anno la squadra difendeva molto bene. Al momento non so cosa che cosa cambierò, devo conoscere prima i miei giocatori”

Nell’immediato lei farà una correzione della squadra rispetto allo scorso anno o farà la rivoluzione?
“Non devo fare esperimenti, devo capire le caratteristiche tecniche, morali, caratteriali dei calciatori. A me interessa tutto questo”

Lei è un maestro di calcio?
“Io maestro? Ho tanti difetti… Non sono stato pressante con Boban e Maldini sul mercato. Ho chiesto un calciatore funzionale al nostro gioco e sono stato accontentato”

Quale sarà il suo obiettivo con questa squadra?
“Promettere meno per mantenere di più. C’è un lavoro grande da fare qui. Prometto lavoro, serietà, impegno, dedizione. Conto di entrare a Milanello alle 8 del mattino e uscire alle 20 della sera

Boban: “Sappiamo come piace giocare al mister. Questo lavoro è un po’ nuovo per me, ma nemmeno troppo in fondo. Ho fatto qualche trattativa di mercato. La sintonia con Giampaolo è totale”

Maldini: “Sacchi ha sempre sponsorizzato Giampaolo come nuovo allenatore del Milan”

Che effetto le fanno i complimenti? Le fa paura qualcosa di questa sua avventura?
“Quando le persone ti stimano aumenta la responsabilità. Non ho paura di niente, ho solo paura di arrivare tardi domani all’allenamento”

Sarà la prima volta di Marco Giampaolo, neo-allenatore dei rossoneri, che parlerà alla stampa alle 17 per rispondere alle domande dei giornalisti presenti. Nella giornata di oggi ci sarà, inoltre, anche il raduno dei calciatori a disposizione dell’ex Samp per iniziare la preparazione a Milanello fino al 19 luglio. Poi ci sarà l’esperienza in USA per prendere parte all’International Champions Cup dove Piatek e compagni affronteranno il Bayern Monaco (23 luglio, 03 ore italiane) e il Benfica (28 luglio, 21.00 ore italiane). Il 3 agosto, inoltre, ci sarà un test amichevole prestigioso a Cardiff contro il Manchester United. La dirigenza milanese ha scelto così Marco Giampaolo per ricercare una tipologia di gioco che piaccia anche ai tifosi come svelato dallo stesso neo-tecnico rossonero ai microfoni di MilanTV: “La storia del Milan racconta di un club e di una squadra che ha sempre ricercato la bellezza, l’estetica oltre che il risultato. La mission è vincere attraverso un calcio affascinante”. Ora si fa sul serio, da oggi si inizierà a lavorare sodo per trasmettere nuove idee ai calciatori. Giampaolo è pronto.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Marco Giampaolo: come giocherà al Milan

Finalmente ce l’ha fatta. Dopo tanti anni di gavetta tra Serie C e B e le ultime avventure in massima serie con Empoli e Sampdoria, il Milan gli ha dato l’opportunità della vita. Marco Giampaolo è nato  a Bellinzona, in Svizzera, il 2 agosto del 1967, dove i suoi genitori si erano trasferiti per motivi di lavoro. Inizia a giocare a calcio tra Giulianova, Gubbio, Licata e Siracusa fino ad arrivare in Serie B con la maglia dell’Andria. Appende gli scarpini all’età di 30 anni a causa di un problema alla caviglia iniziando subito così la sua avventura in panchina. Prima da vice-allenatore a Pescara, Giulianova, Treviso per poi iniziare la sua esperienza da primo ad Ascoli. Poi Cagliari, Siena, Catania, Cesena, Brescia e Cremonese prima del ritorno in Serie A con Empoli e Samp. Al Milan Giampaolo cercherà di trasmettere le sue idee di gioco: negli ultimi anni ha sempre riproposto il 4-3-1-2 con un trequartista alle spalle di due punte. E anche in rossonero proverà a dare alla sua squadra questa fisionomia cercando sempre la bellezza per arrivare al risultato. Ormai ci siamo, si parte.