Terremoto in Sicilia a Randazzo, paura tra la popolazione

terremoto siciliaPaura in Sicilia, all’alba nel Catanese è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 2,9 con epicentro a una profondità di 28 chilometri.

La terra torna a tremare in Italia. E questa volta non si tratta del Centro, della catena appenninica e degli incubi per quelle popolazioni che negli ultimi anni sono state flagellate da scosse più o meno intense. Poco prima dell’alba di domenica 7 luglio, infatti, il Catanese ha subito un brusco risveglio. La Sala Operativa di Catania ha infatti localizzato un terremoto a 28 chilometri di profondita, con una scossa di magnitudo 2,9. Panico e paura tra la popolazione, qualcuno ha avvertito chiaramente ciò che stava accadendo ed è sceso per strada. Per adesso non si segnalano comunque danni a persone o cose, ma lo spavento resta.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Paura in Sicilia, terremoto nel Catanese: scossa di magnitudo 2,9

Erano le 5,27 di domenica 7 luglio quando a due chilometri da Randazzo, nel Catanese, è stata registrata una scossa di terremoto di magnitudo 2,9. La terra trema in Sicilia anche se, fortunatamente, non avrebbe provocato danni. Almeno non di grossa entità. La Sala Operativa di Catania ha localizzato il sisma a una profondità di 28 chilometri. Le città più vicine all’epicentro sono Acireale, Catania, Messina, Reggio di Calabria, Caltanissetta e Siracusa. Dopo l’esplosione dello Stromboli alle isole Eolie che ha provocato la morte di un escursionista di Milazzo (Messina), torna la paura in Sicilia.