Sigarette, uomo trova la foto della moglie malata sul pacchetto

sigarette foto pacchetto
Nella foto sul pacchetto di sigarette c’è sua moglie, uomo fa causa – FOTO: viagginews

Amara scoperta per una persona che aveva comprato un pacchetto di sigarette in tabaccheria: sulla confezione c’è un volto a lui molto familiare.

“Quella donna è mia moglie”. La denuncia arriva da un uomo che su un pacchetto di sigarette ha trovato l’immagine della propria consorte sofferente in un letto di ospedale, ormai moribonda. E la cosa lo ha portato ad intentare una causa contro la multinazionale del tabacco coinvolta. Tra danni morali, di sensibilità ed altro, l’uomo ha fatto sapere di volere un risarcimento da 100 milioni di euro. E la foto in questione, come noto, è quella che viene applicata in molte forme sui vari pacchetti di sigarette, per avvertire i consumatori dei gravi rischi che si corrono per la salute. Il caso vuole che questa persona si sia imbattuta proprio in quella di sua moglie, avuta chissà come poi. Il fatto è avvenuto a Misano Adriatico, in provincia di Rimini, e tutto si verificò lo scorso anno.

LEGGI ANCHE –> Morto si risveglia, succede ad un giovane appena prima della sepoltura

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sigarette, la moglie dell’uomo morta non per il fumo

Il diretto interessato, 50 anni, tra l’altro ha fatto sapere che sua moglie, scomparsa a novembre del 2017, perse la vita per cause assolutamente estranee a quelle del vizio del fumo. Si viene a sapere che l’immagine della donna è stata stampata su tanti pacchetti di varie marche, facenti capo ad un unico colosso. L’avvocato dell’uomo ha prontamente informato la multinazionale con una lettera, parlando di “mancanza di autorizzazione a pubblicare le foto della moglie del mio assistito. In questi casi occorre sempre prima verificare di avere il consenso delle parti interessate. È evidente che in questo caso nessun controllo è stato effettuato. La multinazionale ha risposto così, dopo un pò di tempo.

LEGGI ANCHE –> Filippo Magnini, che eroe: salva bagnante dall’annegamento al mare

Il colosso del tabacco fa spallucce

“Le segnaliamo che le informazioni, così come le immagini che appaiono sui pacchetti di prodotti del tabacco, sono tassativamente indicate e incluse negli elenchi stabiliti dalla normativa europea e dalla legislazione nazionale. In buona sostanza, la società utilizza solo diciture e immagini stabilite dalle predette normative e inserite negli appositi archivi ufficiali, strutturati per consentire alle società produttrici l’ apposizione delle avvertenze di legge sulle confezioni. Non c’ è peraltro alcuna discrezionalità nella scelta delle immagini da parte degli operatori del settore che sono obbligati a usare le immagini (che normalmente sono 14 per anno). Suggeriamo di contattare il competente dipartimento della Commissione europea o il Ministero della Salute”. Ora l’uomo e il suo legale fanno sapere che chiederanno 100 milioni di euro di danni per quanto accaduto. “Le multinazionali del tabacco ci hanno risposto di non avere alcuna responsabilità, e di rivolgerci alla Commissione europea o al ministero della Salute, ma la foto l’hanno pubblicata loro, senza alcuna autorizzazione e porteremo questa causa negli Usa, dove hanno sede queste aziende”