Home News Mia Martini, la sorella Leda rivela: “Sul suo corpo senza vita c’erano...

Mia Martini, la sorella Leda rivela: “Sul suo corpo senza vita c’erano dei lividi”

CONDIVIDI

Mia MartiniMia Martini, la sorella Leda rivela: “Sul suo corpo senza vita c’erano dei lividi”. Si torna a parlare di Mia Martini dopo l’omaggio di Sanremo e il film Io sono Mia a lei dedicato.

Mia Martini ha lasciato un segno indelebile nella storia della musica italiana, il suo talento cristallino e la sua voce tecnicamente perfetta rappresentano tutt’ora un punto di riferimento per chiunque desideri entrare a far parte del mondo della musica. Purtroppo la sua vita si è conclusa troppo presto, nel 1995 la cantante è stata trovata priva di vita nel suo appartamento a Campo Giordano (provincia di Varese). Le indagini e l’autopsia sul cadavere hanno stabilito che la morte di Mia Martini è stata causata da un arresto cardiaco dovuto ad un’overdose di farmaci. Le ipotesi di suicidio, però, sono state sempre rigettate dalle sorelle che vedono in quella morte improvvisa qualcosa di poco chiaro.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche -> Roberta Bonanno nel nome di Mia Martini: “La musica è passione”

Leggi anche -> Loredana Berté: lo sfogo in tv sulla sorella Mia Martini

Mia Martini, la sorella Leda rivela: “Sul suo corpo c’erano dei lividi”

La rivista ‘Spy‘ ha intervistato la maggiore delle sorelle Berté, Leda. Questa è voluta tornare sulla morte misteriosa della sorella per esprimere le sue perplessità sulle circostanze che hanno condotto al suo decesso: “Io e Loredana abbiamo visto sul cadavere di nostra sorella dei lividi sia sulle braccia sia sulle gambe. Il che fa pensare a una discussione piuttosto violenta con qualcuno, forse con nostro padre a cui si era riavvicinata? Lui è sempre stato violento. E poi perché, subito dopo i funerali, senza dire niente a nessuno, lui ha fatto cremare il corpo? Devono ancora darmi delle spiegazioni”, racconta Leda che in seguito aggiunge: “È stata una morte avvolta nel mistero, ci sono troppi punti oscuri, anche se sono passati tanti anni credo sia giusto riparlarne”.