Minacce di morte a Francesco Monte: “Follia e ignoranza”

Minacce di morte e di aggressione all’ex tronista Francesco Monte, dopo la fine della relazione con Giulia Salemi, lui replica: “Follia e ignoranza”.

francesco monte minacce
(Instagram)

Dopo la fine della relazione con Giulia Salemi, Francesco Monte è al centro del gossip. Prima gli è stato attribuito un flirt con Diletta Leotta, poi con la spagnola Maria José, lui ha replicato seccato a queste illazioni. Intanto, nei giorni scorsi, è stato sorpreso con una nuova ragazza in autogrill: lei si chiama Isabella – per tutti Isa – una ragazza di Trani. L’ex tronista ed ex gieffino non ha ancora né confermato, né smentito, ma intanto sottolinea come dopo la fine della love story con la modella italo-persiana sia stato preso di mira.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Francesco Monte denuncia minacce di morte e replica

“Intervengo perché la follia e l’ignoranza totale è stata raggiunta”, scrive su Instagram Francesco Monte, poi spiega di aver subito minacce e ne rivela la natura: “Minacce di ustioni con acido, di morte (paradossale), di incidenti mortali (tutto questo documentato e che poi vi mostrerò in seguito in modo da far capire la follia raggiunta), continui messaggi verso miei parenti, miei amici… ecco, questi sono solo alcuni degli esempi di ciò che è scaturito…da cosa? Da due persone che in modo maturo non proseguono più un cammino insieme! Succede ed è successo a chiunque. Proprio per questo ora dico basta! Mi dissocio totalmente da tutto quello che negli ultimi 30 giorni si scrive”.

Francesco Monte assicura: “La storia tra me e Giulia si è conclusa come la maggior parte delle persone civili e adulte fanno, parlando! Avendo compreso che per incompatibilità non sarebbe stato possibile andare avanti. Non c’è una vittima o carnefice, semplicemente questa è la vita e le cose a volte non vanno sempre come ci si aspetta”. Ma leggendo i commenti, anche chi biasima la violenza verbale non dà ragione all’ex tronista per il suo comportamento ed evidenzia: “Condanno categoricamente espressioni di odio e minacce assurde, a parte film immaginari, quel che si è visto anche in minima parte ha suscitato tanta indignazione, non saremo tutti pazzi visionari, forse c’è veramente qualcosa che non torna”.