Home News Manuel Foffo, chi è l’uomo che ha ucciso e torturato Luca Varani

Manuel Foffo, chi è l’uomo che ha ucciso e torturato Luca Varani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:07
CONDIVIDI

assassino di Luca VaraniManuel Foffo è stato condannato a 30 anni di carcere per aver torturato e ucciso Luca Varani: scopriamo qual è la sua storia.

Manuel Foffo, reo confesso per l’omicidio e la tortura ai danni di Luca Varani, è stato condannato dalla Corte di Cassazione a 30 anni di carcere per omicidio premeditato aggravato da crudeltà. L’imputato ha ucciso la sua vittima durante un festino a base di alcol e cocaina tenuto in casa sua ed è stato arrestato un paio di giorni dopo. Nel giustificare la condanna, il giudice della Cassazione ha dichiarato: “Davanti a condotte criminali come questa oggetto del processo è difficile credere che possano essere commesse da un umano. Il polimorfismo da cui è affetto Foffo, né l’intossicazione cronica da alcol, giustificano quanto accaduto”, quindi ha spiegato come la vittima fosse cosciente mentre veniva torturata: “Varani era stato reso inerme ma non era incosciente, era capace di percepire le sofferenze che gli sono state imposte, in un’agonia di oltre due ore”. Il giudice spiega infine che è stato sottoposto ad una agonia atroce culminata con la morte, e giudica l’accaduto come una condotta criminale che raggiunge “L’abisso umano”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi è Manuel Foffo, l’assassino di Luca Varani

Adesso 31enne, all’epoca dell’omicidio Manuel Foffo era uno studente universitario di 28 anni con un precedente per guida in stato di ebbrezza (risalente al 2014). Secondo quanto emerso nel corso delle indagini lo studente aveva una dipendenza da alcol e cocaina, vizi che lo hanno portato a stringere la frequentazione con Marco Prato, l’altro ragazzo coinvolto nella morte di Luca Varani. I due si sono visti il 2 marzo 2016 con l’intenzione di assumere un grosso quantitativo di droga ed hanno acquistato 1.500 euro di cocaina dallo spacciatore di Prato.

Giorno 3 marzo sono usciti in macchina con l’idea di fare del male a qualcuno e Prato ha contattato Varani per un rapporto sessuale. Giunto in casa di Foffo, i tre hanno cominciato ad assumere alcol e droghe, quindi Varani è stato convinto ad assumere l’Alcover (un medicinale per bloccare l’astinenza da alcol) e si è sentito male. In quel frangente di due gli sono saltati addosso ed hanno cominciato a ferirlo con dei coltelli per due ore, finché non hanno deciso di colpirlo in testa con un martello ed ucciderlo.

Nel corso dei processi tenuti in questi tre anni Marco Foffo è stato condannato a 30 anni di reclusione sia in primo che in secondo grado. Dalle indagini è emerso come abbia provato piacere a torturare ed uccidere la sua vittima. Per quanto riguarda Marco Prato, la condanna era la medesima, ma non ha mai finito di scontarla poiché si è suicidato in cella prima dell’inizio del processo d’appello.