Accoltellamento, donna contro l’amica: “I tuoi figli sono maleducati”

accoltellamento donne ucraine
Un accoltellamento tra donne al culmine di una lite: il motivo è assurdo – FOTO: viagginews.com

Una donna aggredisce l’amica che la ospitava, ferite gravi dopo un accoltellamento multiplo. Ed il motivo è davvero assurdo: c’entrano i figli della vittima: “Sono troppo, troppo maleducati”. Da qui la furia cieca.

Un grave episodio culminato con un accoltellamento si è verificato nelle prime ore del 5 luglio 2019. Teatro della drammatica scena un appartamento di viale Ventimiglia, in zona Trullo, a Roma. Era l’alba quando una donna ucraina di 33 anni ha afferrato un coltello di quelli comunemente utilizzati in cucina per scagliarsi contro una amica sua connazionale, di due anni più giovane. L’aggreditrice era ospite di colei che ha ferito, pare da diverso tempo. Ma una furia cieca è poi esplosa in lei, ed a causa dei tre bimbi piccoli dell’amica. “Sono dei maleducati”, tanto è bastato per giustificare nella sua testa il ferimento alla coinquilina, adesso ricoverata all’ospedale ‘San Camillo’.

LEGGI ANCHE –> Topi morti: “Si sono gettati a centinaia da un ponte”, la possibile causa

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Accoltellamento, ferite di gravi entità alla vittima

L’arma di questo delitto mancato aveva una lama di 25 cm ed è stata usata per ferirla al collo oltre che in altre parti del corpo. Alla fine sono intervenuti i carabinieri ed il personale medico del 118. La ferita è entrata nella struttura sanitaria in codice rosso. Si apprende comunque che non sarebbe in pericolo di vita e le è stata data una prognosi di 30 giorni. Diverse le lesioni riscontrate, tra le quali lesioni ai tendini di entrambe le mani e la frattura con anche distacco parziale osseo del quinto metacarpo di un arto. Senza contare le ferite da accoltellamento sul collo ed in altre parti, che hanno lasciato non poco sangue sul pavimento.

LEGGI ANCHE –> Bari, domatore ucciso: è stato azzannato a morte da quattro tigri