Spread oggi, mercoledì 3 luglio: andamento in tempo reale

Andamento in tempo reale dello spreadScopriamo qual è il valore dello spread oggi mercoledì 3 luglio: andamento in tempo reale del differenziale tra Btp e Bund.

Lo spread tra Btp e Bund segna un altro calo e tocca il livello più basso da giugno 2018. Nella seduta di ieri abbiamo visto come il differenziale tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi sia sceso fino a quota 221 punti dai 232 che aveva in apertura. Anche il rendimento decennale è sceso arrivando all’1.84% (non scendeva sotto il 2% da quando si era insediato il governo attuale). Merito di questo ennesimo miglioramento – trend che prosegue dall’inizio di giugno – è l’accordo raggiunto tra l’Italia e l’Unione Europea che dovrebbe servire ad evitare la procedura d’infrazione per eccessivo deficit.

Il governo italiano ha dunque convinto i partner europei della solidità della propria economia, mostrando dati inconfutabili sui dati di occupazione e sulla crescita del mercato del lavoro che dovrebbero il rientro entro i limiti di deficit concordati entro il prossimo ottobre. Ieri è stata una giornata positiva anche per il mercato azionario italiano che si è piazzato al quarto posto in europa per trasparenza e attenzione su aspetti ambientali, sociali e di sostenibilità.

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Andamento spread europei

La giornata positiva dell’Italia si colloca nel mezzo di un andamento positivo generale del mercato azionario europeo. Se ieri alcuni dei Paesi con l’economica più florida avevano ceduto il passo, oggi torna tutto nella normalità con la Danimarca che vede scendere il proprio spread nuovamente sotto quota 10 punti (6.8), quelli dei Paesi Bassi che tornano sotto quota 20 (16.3) e quelli finlandesi che scendono nuovamente sotto quota 30 punti (29 per l’esattezza). Rimane stabile lo spread in Austria (28.4), Francia (30.8) e Belgio (37.8), mentre migliora decisamente quello dell’Ungheria che scende a quota 289 punti.