Gay Pride a Disneyland, raccolte 400mila firme contro l’iniziativa

Gay Pride a Disneyland Parigi, raccolte 400mila firme contro l’iniziativa: lanciata ora una nuova petizione contro Disney e iniziative LGBT.

gay pride disneyland
(DAVID MCNEW/AFP/Getty Images)

Si è svolto lo scorso primo giugno Magical March of Diversity Parade, un gay pride all’interno del parco di Disneyland Paris che era stato lanciato nei mesi scorsi. A un mese dallo svolgimento dell’iniziativa LGBT, però, non si placano le polemiche e CitizenGO ha raccolto più di 400,000 firme contro, ma a quanto pare ora l’intenzione è di proporre altre iniziative simili. Spiega CitizenGO in una nuova petizione: “Presso gli Universal Studios Hollywood, nel Sud della California, la Disney sta lavorando per organizzare l’evento LGBT ‘Orgoglio Universale’. Così come sta sostenendo l’espansione dei ‘Giorni Gay’ che si svolgono ogni agosto nel parco Walt Disney World in Florida”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Nuova petizione contro Disneyland: basta iniziative LGBT

La nuova petizione pone l’attenzione su altre questioni che riguardano sempre il mondo fantasy rivolto ai più piccini: “Gruppi e attivisti LGBT esultano per l’inserimento in Toy Story 4, appena uscito al cinema, della prima coppia di ‘due mamme’ con un bambino (motivo per il quale molte famiglie hanno deciso di non portare i loro figli al cinema a vedere il cartone)”.

Nella petizione, indirizzata a Robert A. Iger, presidente di Walt Disney Company, si spiega: “La Disney è specializzata nell’intrattenere e accattivare i bambini. I genitori però non vogliono che la Disney indottrini i loro figli. Non esiterò pertanto a boicottare film, prodotti e  parchi della Disney se questo indottrinamento continuerà”, infine si chiede di “cancellare qualsiasi futura manifestazione LGBT nei vostri parchi e qualsiasi contenuto LGBT nei vostri prodotti”. Questo perché “la Disney resti una realtà politicamente neutrale e accogliente per le persone di ogni appartenenza e convinzione”.

Leggi anche –> Caterina Balivo, accuse di omofobia: no al Gay Pride