Bambino cade dalla banchina al passaggio del treno, il video drammatico

bambino treno
Un bambino cade nello spazio tra il treno e la banchina, secondi di paura – FOTO: screenshot

Un bambino è finito nella stretta intercapedine tra un treno appena arrivato e la banchina, dopo essere sfuggito al controllo della mamma.

Un bambino è caduto nello spazio che intercorre tra il treno e la banchina dove transitano i pendolari. Il fatto è accaduto a Sydney, in Australia, con il piccolo che si trovava con la mamma e la sorellina minore, adagiata nel carrozzino. La famiglia stava aspettando un convoglio, che è giunto in tutta tranquillità. Una volta fermo, i due con la piccina si incamminano verso le porte apribili per entrare sul mezzo a rotaie. Ma il bambino finisce improvvisamente giù, inghiottito dall’intercapedine alquanto stretta. Non abbastanza però per impedire la caduta di un bimbo. Gli altri passeggeri allarmati hanno fatto segno al macchinista di non riprendere la corsa. In pochi minuti, da quanto si apprende, il bambino è stato recuperato. È rimasto incolume, senza evidenti segni di ferite sul suo corpicino. Soltanto, la vicenda ha scosso lui e comprensibilmente anche la mamma.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Bambino treno, numeri allarmanti in Australia

Il video dell’accaduto è stato realizzato da una telecamere del circuito chiuso di sicurezza installato nella stazione ferroviaria locale. Come detto, per fortuna non ci sono state conseguenze gravi. Ma quanto accaduto ha spinto Andrew Costance, ministro dei Trasporti australiano, a diffondere un comunicato in cui evidenzia come occorra sempre, da parte dei genitori, non togliere mai gli occhi di dosso ai propri figli, nipoti o quel che siano. “Basta anche solo mezzo secondo di distrazione per assistere al peggio. Una cosa che nessuno di noi vuol vedere accadere”. In Australia incidenti del genere capitano con una media di quasi 200 all’anno. Tale è infatti il numero di bambini che restano feriti nelle stazioni ferroviare, e 68 sono stati quelli coinvolti nel corso del 2018 in situazioni analoghe, come comunicato dalla compagnia ‘Sydney Trains’.