Home News Vittorio Sgarbi, chi sono le figlie Alba ed Evelina: età, lavoro, vita...

Vittorio Sgarbi, chi sono le figlie Alba ed Evelina: età, lavoro, vita privata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:10
CONDIVIDI
età e vita privata
(Instagram)

Vittorio Sgarbi, chi sono le figlie Alba ed Evelina: età, lavoro, vita privata delle due donne avute da due relazioni differenti. 

Che Vittorio Sgarbi sia in grado di attirare l’attenzione di media e pubblico è ormai un fatto noto. Le sue dichiarazioni sono spesso sopra le righe e fanno discutere – basti pensare a quella sull’incendio di Notre Dame – inoltre il critico d’arte non ha tabù di alcun tipo, specie in ambito sessuale. In questi anni Sgarbi non ha nascosto di amare il sesso più delle relazioni in sé e di sentire il desiderio di variare partner secondo l’ispirazione momentanea. Di recente, però, ha colto tutti di sorpresa dichiarando di avere figli  sparsi per il Paese e di averne riconosciuti solamente tre: Carlo, Evelina e Alba.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Chi sono Evelina ed Alba, le figlie di Vittorio Sgarbi

La prima ad essere stata riconosciuta è stata Evelina, ragazza frutto di una relazione con una donna di Torino che il critico d’arte ha riconosciuto senza porsi problemi: “La madre di Evelina ha tratto vantaggio dal rapporto con me. Suo marito era impotente”. Di lei il critico non ha aggiunto più niente, se non che è l’ultima figlia che ha avuto. Durante un’intervista al settimanale ‘Chi’, invece, Sgarbi ha parlato maggiormente dell’altra figlia riconosciuta, ovvero Alba, nata da una relazione con una cantante lirica albanese. Si tratta di una ragazza di soli 17 anni che studia elettronica a Tirana e che ha una forte fede religiosa.

Parlando di Alba, Vittorio si dimostra un padre orgoglioso e spiega: “Alba, la mia ultima figlia non poteva essere migliore: è brava, elegante, seria e si sposerà soltanto in chiesa, preferibilmente presto. E poi è albanese, il popolo che preferisco”. Il critico spiega di aver seguito attentamente la crescita di Alba, anche se non ha mai partecipato attivamente al ruolo di educatore. Inoltre per anni non ha potuto riconoscerla perché la madre era sposata.