Spread oggi lunedì 1 luglio: andamento in tempo reale

Spread oggiScopriamo qual è il valore dello spread oggi: ecco l’andamento dei titoli di stato italiani in rapporto a quelli tedeschi in tempo reale.

Nel mese di giugno abbiamo assistito ad una abbassamento del valore dello spread tra Btp e Bund (ecco come funziona ed in cosa consiste). Il differenziale tra i due titoli di stato, indice dell’andamento dell’economia italiana in borsa, è passato dagli iniziali 280 punti ai 241.6 punti dell’ultima seduta del mese, arrivando anche a sfiorare i 230 punti. Il motivo di tale andamento positivo, nonostante l’aumento del deficit e le prospettive di crescita negative è dovuto ad una compressione del Bund che è sceso a quota -30 punti nelle scorse settimane.

Nelle prossime settimane potremmo assistere ad un ulteriore ribasso, ma anche ad un aumento del differenziale. L’aumento potrebbe essere causato dalla decisione dei Paesi membri dell’Ue di attuare una procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia, prospettiva avallata dalla Commissione Europea proprio per il cattivo andamento dell’economia nostrana che non permetterà di coprire il debito pubblico e di abbassare la percentuale del deficit. Il ribasso, invece, potrebbe essere favorito dall’andamento negativo dei titoli di stato tedeschi.

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

I valori degli spread europei

Lo spread dei principali Paesi Europei è rimasto invariato nelle ultime sedute, ad eccezione di quello dei Paesi Bassi dov’è stato registrato un aumento inaspettato. Se infatti i titoli di stato di Danimarca (6.4), Austria (28.7), Finlandia (29.7) e Francia (32.1) sono rimasti pressoché uguali, il valore del differenziale tra titoli olandesi e tedeschi è passato dai 17 punti ai 25.9 della seduta di venerdì. Stabili sotto quota 100 i valori degli spread delle altre nazioni europee, ad eccezione della Repubblica Ceca (187.2) e dell’Ungheria (300 punti).