“Fatti curare”, Stephan Weiler umilia Eliana Michelazzo: pronta la denuncia

Eliana MichelazzoL’insegnante svizzero Stephan Weiler, ‘accusato’ di essere stato sposato per 10 anni con Eliana Michelazzo, umilia l’agente di Pamela Prati: “Fatti curare”

Adesso si mette davvero male per Eliana Michelazzo. L’ex corteggiatrice di Uomini e Donne, oggi manager di Pamela Prati, è rimasta pienamente coinvolta nello scandalo legato al ‘caso Mark Caltagirone’. Lei è stata la prima a rivelare ufficialmente che l’uomo non esistesse. Ma i problemi non sono certi finiti lì, anzi. Perché in questa storia turbolenta è rientrato anche Stephan Weiler, ovvero il ‘finto’ Simone Coppi, presunto marito proprio della Michelazzo. Quest’ultima, nelle ultime ore, ha fatto sparire anche il tatuaggio a lui dedicato. Ma l’ex Mister Svizzera pare non aver preso bene il fatto che il suo nome e la sua immagine siano stati sbalzati in questo groviglio. E ora è pronto a passare alle vie legali.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

“Fatti curare”, Stephan Weiler umilia Eliana Michelazzo: pronta la denuncia

Stephan Weiler è pronto a denunciare Eliana Michelazzo. L’insegnante svizzero ha deciso di rompere gli induci e un’intervista al settimanale Spy è stato un fiume in piena. “La gente non credeva che non ne sapessi nulla e per me questa era un grosso problema. Sia il ruolo di insegnante, sia quello di Mister Svizzera richiedono il “vestito bianco”, cioè la totale assenza di ombre nella tua vita. Non volevo che si sporcasse la mia immagine”. “Io voglio denunciare il fatto che qualcuno abbia usato la mia faccia per un raggiro – ha continuato – Spero che Eliana non c’entri, ma se verrà dimostrato che c’entra, allora denuncerò anche lei, mi sembra normale”. Le parole più pesanti, però, le ha riservate alla fine: “Se veramente crede ancora di essere stata sposata con me o lo ha creduto per dieci anni, e su questo ho i miei dubbi, le dico con il cuore di farsi aiutare da uno specialista per cancellare tutto e ricominciare a vivere”.