Home News Pamela Perricciolo in tv: “Tutta la verità sul piccolo Sebastian Caltagirone”

Pamela Perricciolo in tv: “Tutta la verità sul piccolo Sebastian Caltagirone”

CONDIVIDI

Pamela PerriccioloPamela Perricciolo in tv: “Tutta la verità sul piccolo Sebastian Caltagirone”. 

Ancora ospite per l’ultima puntata di Live Non è la D’Urso Pamela Perricciolo, il deus ex machina dietro tutta la vicenda Pamela Prati/Mark Caltagirone, viene interrogata anche sull’invenzione del figlio adottivo della coppia, quel Sebastian Caltagirone che in realtà era un bambino di Roma iscrittosi alla sua agenzia per fare l’attore.

La mamma del bambino dice: “Mi ha contattata lei chiedendomi un video selfie di mio figlio per una fiction. Mio figlio dice: “Si mamma proviamoci”. Seguiva un copione che Pamela mandava. Doveva dire: “Ciao mamma come stai?” “Buon lavoro mamma, ti voglio bene e papà ti ama”. Doveva parlare con la voce rotta perché doveva avere un problema alla gola e apparire sempre molto triste”. Lei diceva: “Quando non sai che rispondere tossisci e lamentati dicendo che ti fa male la gola”. “Non abbiamo mai ricevuto soldi da Pamela Perricciolo per questa cosa”.

La risposta di Pamela Perricciolo

“La mamma del bambino l’aspetto in altre sede legali. E’ stata lei a contattarmi” dice la Perricciolo. “Io voglio bene a questo bambino, lei me lo lasciava al ristorante a me anche tutto il pomeriggio. Non vedo l’ora di vedere chi ha sfruttato chi e chi ha sfruttato questo bambino. La mamma sapeva benissimo quello che stavamo facendo, sapeva che suo figlio impersonava Sebastian Caltagirone. Vedremo al processo chi faceva mandare cosa a chi e chi voleva fregare chi”. La Perricciolo nega che il bambino dovesse far finta di avere una malattia alla gola, un tumore.

“Il video del bambino che diceva di stare male e che stava per andare a fare la chemio erano creati da te? Pamela Prati sapeva tutto? La mamma sapeva tutto?”.  chiede la D’URso.

“Pamela Prati tanto santa non è” conclude la Perricciolo dicendo che tutto sarà discusso poi nelle sedi opportune.