Home News Spread oggi martedì 18 giugno: andamento in tempo reale

Spread oggi martedì 18 giugno: andamento in tempo reale

CONDIVIDI

Spread oggi 18 giugnoSeguiamo l’andamento dello spread oggi martedì 18 giugno 2019: ecco il valore del differenziale tra Btp e Bund in tempo reale.

In queste ultime settimane gli analisti di mercato si sarebbero attesi un aumento del differenziale tra Btp e Bund. Il motivo di tale previsione negativa era dovuto ad un fattore tecnico, ovvero all’aumento di valore del Bund (-25%), e a fattori politici: la Commissione Europea ha valutato negativamente il debito italiano aprendo alla possibilità che venga avviata una procedura di infrazione, inoltre sono stati approvati i mini bot, una specie di  moneta alternativa all’euro che diventerebbe moneta di uso comune in caso di uscita dall’Unione Europea.

Ciò nonostante lo spread (qui vi spieghiamo in cosa consiste) non è andato sopra quota 300 come ci si sarebbe aspettati, anzi nel giro di due settimane è sceso dalla soglia 280 ai 250 (circa) attuali. Anche ieri il valore è salito a metà seduta arrivando a 263 punti, per poi scendere nuovamente in chiusura fino a 252 punti. Gli analisti adesso ritengono che possa esserci un ulteriore calo nelle prossime settimane che porterebbe il valore del differenziale addirittura a 230 punti.

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’andamento dello spread in Italia e nei Paesi dell’Unione Europea

La prima rilevazione mattutina ha fatto segnare un lieve rialzo del valore dello spread italiano, che è passato dai 252 di ieri ai 253.70 di oggi. Stabile il valore dello spread in Danimarca (12.6) e nei Paesi Bassi (17.7), mentre un lieve rialzo è stato registrato in Austria (nuovamente sulla soglia dei 30 punti), Belgio (44.8), Repubblica Ceca (190.8) e Ungheria (306.3). Stabile, invece, il valore del differenziale in Francia (35), Finlandia (31) e Irlanda (56). Gli andamenti generali dei titoli di stato sono in trend positivo in tutta europa, merito dei tagli previsti sull’inflazione decennale.