Home News Chi è Gianluca Mancini: età, carriera, fidanzata del difensore dell’Under 21

Chi è Gianluca Mancini: età, carriera, fidanzata del difensore dell’Under 21

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:25
CONDIVIDI

Chi è Gianluca Mancini: età, carriera, fidanzata del difensore dell’Under 21 e dell’Atalanta. 

Gianluca Mancini

Già protagonista con la Nazionale maggiore di Roberto Mancini e ora pronto al debutto con la nazionale Under 21 di Luigi Di Biagio che stasera affronterà la Spagna nell’esordio del Campionato Europeo di categoria. Gianluca Mancini il 17 aprile 1996 a Pontedera e grazie a Gasperini è diventato un punto fermo dell’Atalanta che ha raggiunto la Champions League. Nato come centrocampista ben presto diventa difensore centrale. Lui stesso dice di ispirarsi a Marco Materazzi nello stile e nell’uso dello strapotere fisico per anticipare gli avversari.

La carriera di Gianluca Mancini

Il giocatore cresce nel settore giovanile della Fiorentina vincendo anche lo scudetto Giovanissimi Nazionali nel 2011. Nel 2015 va al Perugia in Serie B e a 19 anni fa il suo esordio in un campionato professionistico. Il 12 gennaio 2017 passa all’Atalanta e a 21 anni fa il suo esordio in Serie A. La prima convocazione in Under 21 arriva nel settembre di quell’anno, la prima in nazionale maggiore arriva invece nel novembre 2018.

Le parole di Gianluca Mancini

Intervistato dalla rivista Undici ha detto: “La mia ricetta è semplice: andare avanti, sempre. Con tranquillità e rimanendo se stessi, allenandosi bene e senza pensare “ce la faccio o non ce la faccio”. Le cose poi accadono di conseguenza. La notorietà non mi influenza perché può arrivare, ma anche scomparire da un momento all’altro. Bastano due partite fatte male che non ti guarda più nessuno. Noi giovani ora cresciamo perché abbiamo trovato continuità nei club. È una cosa positiva. Di contro, però, penso che la situazione mediatica non migliorerà. I media spingono troppo in entrambi i sensi: esaltano un giovane che fa bene e lo affossano quando fa male. Ci vorrebbe misura. È giusto sottolineare la crescita di un talento, ma poi bisogna accettare gli errori e dei periodi negativi, anche stagioni intere in cui il rendimento si abbassa”. La sua fidanzata si chiama Elisa ed è al suo fianco da tanto tempo. Anche lei contribuisce alla sua tranquillità mentale che poi si vede anche in campo.