Roberto Pruzzo confessa: “Ogni tanto penso al suicidio..:”

"Ogni tanto penso al suicidio"
(Screenshot Video)

Quest’oggi Roberto Pruzzo, ex calciatore, parlerà della sua vita in tv, soffermandosi su quella rivelazione shock contenuta nell’autobiografia: nel libro parla della tentazione di ricorrere al suicidio a causa della depressione.

Gli appassionati di calcio si ricorderanno certamente di Roberto Pruzzo come di uno degli attaccanti più prolifici della Serie A degli anni ’80, nonché come di una bandiera della Roma di Nils Liedholm. Dopo il ritiro, Pruzzo ha cercato di avviare una carriera come allenatore, senza lo stesso successo riscontrato come calciatore. Negli ultimi anni si è diviso tra il ruolo di dirigente e quello di opinionista televisivo.

Nel 2014 l’ex calciatore ha fatto uscire anche la sua autobiografia, un libro che racconta i momenti più importanti della sua carriera, ma che fa scoprire soprattutto l’uomo che c’era e c’è dietro. Emerge il ritratto di un uomo molto critico con se stesso, che non si gode il ricordo dei momenti belli: “Cosa mi resta della mia carriera da centravanti? I gol sbagliati e le sconfitte. Delle vittorie ho goduto poco, perché sono subito volate via. Le sconfitte no, sono rimaste qui. E ancora ci combatto. La retrocessione in B del Genoa causata anche da un mio rigore sbagliato e la finale di Coppa Campioni persa con il Liverpool”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Roberto Pruzzo: “Ogni tanto penso al suicidio”

La rivelazione che però è rimasta impressa nella mente di chi ha letto il libro di Pruzzo è quella relativa ai pensieri suicidi. L’ex calciatore parla della depressione chiamandola “Uomo Nero” e dice con schiettezza: “Ogni tanto penso che sia giunto il momento di togliermi dai coglioni…”, pensieri che se ne vanno via quando si vede e parla con gli amici, con le persone che gli fanno tornare il sorriso: “Quelli che riescono a farmi tornare il sorriso allontanando l’uomo nero che ogni tanto mi viene a trovare, gli stessi che riescono a farmi pensare che forse in fondo è meglio aspettare un altro po’”.