Caterina Caselli parla della malattia: “Ci sono stati momenti difficili”

"Ci sono stati momenti difficili"Caterina Caselli parla pubblicamente della malattia, il cancro, contro cui ha combattuto negli ultimi anni. La discografica ha spiegato che ha preferito non condividere con nessuno, nemmeno i suoi collaboratori, quello che stava passando.

Intervistata dai giornalisti dell’inserto settimanale del ‘Corriere della Sera‘ – 7 – Caterina Caselli si è presentata con un nuovo look, capelli corti e di colore naturale. Un cambiamento deciso che mostra la sua volontà di non nascondere più le conseguenze della malattia contro cui ha lottato e dalla quale per fortuna è guarita. Nello spiegare il nuovo aspetto, Caterina spiega: “È stato far di necessità virtù. Ho attraversato un lungo periodo difficile e, per quanto superato, ha un risvolto estetico, perdi i capelli. Poi ricrescono e ricrescono del tuo colore”.

La discografica ha spiegato di aver accettato le conseguenze della malattia solo nell’ultimo periodo, prima le ha nascoste indossando una parrucca che le permetteva di apparire con il tradizionale taglio di capelli. La scelta era stata presa sia perché in quel modo poteva mantenere privata la malattia con collaboratori e stampa, in parte perché così la madre non si sarebbe preoccupata delle sue condizioni di salute: “Se ne è andata da qualche mese e per fortuna non si è accorta di niente – spiega Caterina che poi aggiunge – Non ha capito, stava male di suo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Caterina Caselli: “Ci sono momenti difficili”

Nella successiva parte dell’intervista la Caselli spiega di aver fatto ricorso a tutta la sua pazienza ed alla forza di volontà per riuscire a trovare la positività in alcuni momenti della cura. Ad aiutarla psicologicamente ci hanno pensato i medici dell’Istituto Tumori, i quali oltre a curarla le hanno dato sostegno psicologico. Tornando ai momenti bui, la discografica ha confessato: “La forza va e viene, non puoi essere sempre al top. Ci sono momenti in cui non stai bene, e il dolore è ricattatorio”.