Spread oggi martedì 11 giugno in tempo reale, aggiornamento Live

Spread oggi martedì 11 giugnoSeguiamo anche oggi martedì 11 giugno l’andamento in tempo reale dello spread tra Btp e Bund dall’apertura di Piazza Affari.

Dopo le preoccupazioni della scorsa settimana, nel primo giorno di questa l’andamento della borsa è stato decisamente positivo, visto che i maggiori titoli italiani hanno fatto registrare un rialzo. Gran parte del merito è da attribuire all’accordo trovato tra Stati Uniti e Messico sia sui dazi doganali che sulla questione immigrazione. Dopo l’annuncio, infatti, Wall Street ha chiuso in positivo trascinando tutte le borse occidentali, compresa Piazza Affari che ha chiuso in positivo nonostante l’andamento al ribasso del settore industriale. Bene anche lo spread (ecco cos’è) che dopo un picco nelle prime ore della mattina (nuovo rialzo fino a 273 punti) e sceso andando persino sotto alla quota 260 (258 punti il rendimento decennale).

Ecco un grafico live attraverso il quale potete seguire in tempo reale l’andamento dello spread (Borse.it)

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’andamento dello spread dei principali Paesi europei

La fiducia degli investitori ha fatto sì che gran parte dei titoli di stato guadagnassero punti percentuali durante la giornata di ieri. Vi ricordiamo che lo spread è il differenziale tra i titoli di stato tedeschi, ritenuti quelli più stabili e dunque i più affidabili, e quelli degli altri Paesi membri dell’Unione Europea. A guidare questa classifica dell’affidabilità è come sempre la Danimarca che presenta un differenziale di 4.5 punti. Sempre molto positivo il valore dei titoli di stato olandesi che presentano all’apertura dei mercati uno spread di 18.1 (-0.2 rispetto a ieri). Chiude il podio la Finlandia con un differenziale di 21.8. In questa tabella di rendimento dei titoli di stato, l’Italia (257.7 in apertura) è sempre al penultimo posto, davanti solamente all’Ungheria (307). Questi due Paesi sono infatti gli unici ad avere uno spread che supera quota 200 punti.