Home News Proteste terremotati: disagi e code sul Grande Raccordo Anulare

Proteste terremotati: disagi e code sul Grande Raccordo Anulare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:21
CONDIVIDI

Proteste dei terremotati, che inscenano una carovana di mezzi per provare a bloccare il Grande Raccordo Anulare: code e disagi a Roma.

proteste terremotati
(Twitter)

Si tiene oggi la manifestazione ‘Raccordiamoci‘, indetta da comitati di cittadini colpiti dalle scosse di terremoto avvenute nel Centro Italia tra ottobre 2016 e gennaio dell’anno successivo. Sotto lo slogan ‘Una sola grande opera, ricostruire il Centro Italia terremotato’, comitati ma anche liberi cittadini si sono dati appuntamento in 5 località simbolo del cratere per poi proseguire alla volta di Roma: l’obiettivo condiviso era il blocco del Grande Raccordo Anulare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sta accadendo sul Grande Raccordo Anulare

Dopo il casello di Roma Nord blindati e mezzi delle forze dell’ordine hanno incanalato e fermato la carovana di automobili provenienti dalle Regioni vicine, decidendo di scortare il serpentone di mezzi in arrivo e limitando la percorrenza sulla prima corsia. Quando però la carovana si è messa in moto, le forze dell’ordine hanno avuto non poche difficoltà a gestire la situazione che si è venuta a creare. Intanto, sui tabelloni luminosi dell’autostrada A24 è apparsa la scritta ‘Rallentamenti Bivio GRA’.

Ha spiegato un’attivista in un breve video messo in Rete: “Siamo stati fermati dalla polizia all’uscita del casello di Roma Nord, poi la rabbia e la determinazione dei terremotati ha fatto sì che si ripartisse e adesso siamo sul Grande Raccordo Anulare, a venti all’ora con il traffico bloccato. La polizia tenta di far mettere le macchine tutte su un’unica corsia, ma questo è impossibile. Quindi adesso siamo praticamente fermi ed è tutto rallentato”. I terremotati in particolare protestano contro quello che definiscono “l’immobilismo di tre governi”.

Leggi anche –> Terremoto: ancora scosse tra Vibo Valentia e Reggio Calabria – VIDEO