Home News Sport Chi è Salvatore Caruso: carriera e vita privata del tennista

Chi è Salvatore Caruso: carriera e vita privata del tennista

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:27
CONDIVIDI

Tutto quello che c’è da sapere su Salvatore Caruso, chi è il tennista italiano: carriera e vita privata, dagli esordi ai primi successi.

salvatore caruso
(Pat Scala/Getty Images)

Classe 1992, nato ad Avola, il tennista campano Salvatore Caruso è professionista dal 2009, ma solo dal 2018 ha iniziato a raccogliere i primi successi importanti in questo sport, ottenendo anche un salto in avanti nelle classifiche internazionali. Nel ranking ATP raggiunge la 147ª posizione in singolare del 27 maggio 2019 e la 250ª in doppio del 6 maggio 2019.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Cosa sapere sul tennista azzurro Salvatore Caruso

In realtà, nel 2009, primo anno di professionismo, Salvatore Caruso disputa un solo incontro, perdendo al primo turno delle qualificazioni per il Challenger. Fino a tutto il 2012, gli incontri disputati sia nei tornei Challenger che nei Futures sono davvero saltuari. Nell’aprile 2013 vince il suo primo titolo nel torneo di doppio del Futures Greece F3 in coppia con il canadese Erik Chvojka. Dopo mesi dopo, arriva il suo primo successo nei Futures in un torneo singolare, il Padova Challenge Open, battendo il connazionale Enrico Burzi. Il 2013 è anche l’anno dei primi match vinti nei tornei Challenger.

Nel febbraio successivo esordisce nelle qualificazioni di un torneo ATP. A maggio 2014 prova a qualificarsi per gli Internazionali d’Italia, ma senza successo. Col passare degli anni, riesce a migliorarsi progressivamente e a fine 2017 ottiene il suo miglior ranking ATP attestandosi al 156º posto. Il 2018 è per lui l’anno della svolta: inizia malissimo, ma poi inizia a ottenere buoni piazzamenti nei tornei Challenger, con due sconfitte in semifinale. Nel settembre 2018, infine, vince il suo primo titolo Challenger in singolare nel torneo Città di Como. Il 2019 inizia sotto le stesse prospettive, con una serie di buoni piazzamenti nei tornei Challenger e a maggio supera per la prima volta le qualifiche al Roland Garros, arrivando nel tabellone principale.