Home News Mamma 19enne investita e costretta ad un cesareo d’urgenza: la bimba è...

Mamma 19enne investita e costretta ad un cesareo d’urgenza: la bimba è grave

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:03
CONDIVIDI

la bimba è graveUna giovane mamma di soli 19 anni è stata costretta ad un cesareo d’urgenza dopo essere stata investita da un pirata della strada: la bimba è grave.

La giovanissima Elena, 19 anni di Orbassano, ieri pomeriggio si era recata al supermercato per fare la spesa e stava facendo ritorno a casa per cucinare e riposarsi. Sì, perché Elena aspettava una bambina ed il prossimo mese avrebbe partorito. Mentre attraversava le strisce, però, un’auto l’ha colpita in pieno. L’automobilista non solo non ha dato la precedenza e l’ha colpita, ma dopo averlo fatto si è dato alla fuga, lasciandola per terra.

Qualcuno dei presenti ha immediatamente chiamato i soccorsi, Elena è stata portata in ospedale per le cure del caso. Nell’incidente ha riportato una frattura alla clavicola, ma cosa più grave un trauma fetale. I medici hanno immediatamente operato la giovane effettuando un cesareo d’urgenza, la piccola è nata di tre chili ma le sue condizioni sono gravi. La neonata è stata ricoverata in terapia intensiva dove è tenuta ipotermia, al momento la prognosi è riservata.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mamma investita, il marito chiede giustizia

Informato dell’accaduto dai medici, il marito della ragazza era sconvolto per quanto accaduto e chiede che venga preso il responsabile. Come riportato da ‘Il Fatto Quotidiano’, il giovane Marius ha dichiarato: “Uno investe una donna e scappa, ma le sembra possibile? La travolge e va via. Come se nulla fosse successo. Non è ammissibile”, dice sfogandosi fuori dall’ospedale per poi chiedere alla polizia di prendere colui che ha quasi ucciso sua figlia e la sua compagna. La Polizia sta già investigando sull’accaduto, sono stati ascoltati alcuni testimoni e sono state richieste le registrazioni delle telecamere di sorveglianza che ci sono all’esterno dell’ospedale. L’obbiettivo è quello di cercare di individuare il numero di targa dell’auto per risalire al proprietario.