Home News Matrimonio Pamela Prati, Anna Falchi: “Secondo me è tutto inventato”

Matrimonio Pamela Prati, Anna Falchi: “Secondo me è tutto inventato”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:30
CONDIVIDI
"Secondo me è tutto inventato"
(Screenshot Video)

Ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, Anna Falchi ha espresso la propria opinione sul matrimonio di Pamela Prati, sostenendo come a suo avviso sia tutto inventato.

Il matrimonio di Pamela Prati continua a far discutere nei salotti televisivi, in quelli radiofonici e sul web. Da quando la soubrette ha annunciato che le nozze non si sarebbero celebrate, i dubbi sulla veridicità della sua relazione con il misterioso Mark Caltagirone sono aumentati in maniera esponenziale. Di certo non ha aiutato il fatto che la Prati ha eluso qualsiasi domanda durante l’ultima puntata di ‘Live non è la D’Urso’, né le dichiarazioni di Georgette Polizzi, la quale ha rivelato che Pamela e la sua agente le hanno mostrato immagini di uomini differenti per convincerla che Caltagirone esistesse.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Matrimonio Pamela Prati, Anna Falchi non ci crede

Ospite di ‘Un Giorno da Pecora’, Anna Falchi è stata invitata ad esprimere un’opinione sul caso di gossip del mese e la soubrette romana non ha mostrato la minima esitazione nell’affermare: “Il matrimonio di Pamela Prati? L’idea che mi sono fatta è che le sia sfuggita di mano la situazione ha annunciato questo evento per andare ospite un po’ di qua e di là, però lui non esiste”.

Quando le viene chiesto se le sembra normale inventare un matrimonio per ottenere visibilità, l’ospite spiega che non sarebbe la prima volta: “Annunciare un matrimonio con uno che non esiste? Si, succede”. La Falchi però esclude che l’idea di inventare il fidanzato ed il matrimonio sia venuta alla collega, rispondendo a precisa domanda: “Sicuramente le sue agenti”. Insomma la schiera di persone che è disposta a dare credito alle parole di Pamela sul matrimonio si assottiglia ogni giorno, a questo punto non resta che attendere un’ammissione o l’improvvisa e inattesa comparsa in scena di Caltagirone.