Home News Matrimonio Pamela Prati, l’agente contatta Wanna Marchi: “Potete tornare”

Matrimonio Pamela Prati, l’agente contatta Wanna Marchi: “Potete tornare”

CONDIVIDI
pamela prati matrimonio
(screenshot video)

Alfonso Signorini torna a parlare di Pamela Prati attraverso le pagine del suo settimanale Chi. Sul settimanale di gossip una serie di dichiarazioni inerenti la storia che vede coinvolte Stefania Nobile e Wanna Marchi.

Al centro di uno scandalo per una truffa televisiva Wanna Marchi e Stefania Nobile sono state di recente ospiti di Barbara D’Urso nel suo nuovo programma ‘Live Non è la D’Urso’. Oggi sono tornate d’attualità per un servizio di ‘Chi’ in cui hanno condiviso i messaggi che avrebbe loro inviato Pamela Perricciolo, una delle due agenti di Pamela Prati e socia di Eliana Michelazzo.

Uno dei messaggi che la Perricciolo avrebbe inviato a Stefania Nobile inizierebbe in questo modo: “Sono felicissima per voi, ho un’agenzia di management e sponsor e vorrei fare una chiacchieratina. Mai dire mai”, un tentativo di assoldare delle clienti dal potenziale mediatico enorme che continua in questo modo: “Le lascio il mio numero. E le chiedo scusa per il disturbo. Forza! Pamela- Se vuole controllare, l’agenzia è Aicos Management, una delle più note per sponsor e reality.- Adesso potete tornare in Italia perché al vostro posto hanno messo me ed Eliana per il matrimonio della Prati. Quindi, le sue cattive siamo diventate noi, potremmo fare una società”.

Stefania Nobile e Wanna Marchi: “mai risposto ai messaggi della Petricciolo su Pamela Prati”

Messaggi inviati a Wanna Marchi e Stefania Nobile da parte di una delle due agenti di Pamela Prati, Pamela Petriccolo e socia di Eliana Michelazzo a cui le donne non avrebbero mai risposto, almeno questo è quanto asserisce Stefania Nobile che risponde: “Noi abbiamo già pagato per i nostri errori”. “Avevano contattato me e mia madre – continua la Nobile –  anche in precedenza, ma non vogliamo avere nulla a che fare con loro. Noi abbiamo sbagliato e abbiamo pagato. Comunque, per la cronaca, non ho mai risposto. E mai lo farò”.