Home News Torino, recapitata una busta con proiettile alla sindaca Appendino

Torino, recapitata una busta con proiettile alla sindaca Appendino

CONDIVIDI
Torino, recapitata busta con proiettile alla sindaca Chiara Appendino
(Instagram)

Torino: nuovo atto intimidatorio nei confronti della sindaca Chiara Appendino. Al comune piemontese è giunta una busta con all’interno un proiettile.

Procede tra mille difficoltà l’incarico di Chiara Appendino come sindaco di Torino. La prima cittadina del comune piemontese, infatti, è indagata per falso ideologico in bilancio per aver indotto in errore diversi funzionali comunali e deve confrontarsi anche con le minacce anonime di chi vorrebbe spingerla a lasciare l’incarico. Il mese scorso, infatti, è giunto un pacco esplosivo al comune e nelle scorse ore uno contenente un proiettile.

La busta è stata consegnata alle autorità che si stanno occupando di esaminarla nella speranza di trovare una traccia che conduca al mittente. Sulla busta si trova scritto il destinatario del pacco con un pennarello nero, ma si pensa che per scriverlo sia stato utilizzato un normografo. La sindaca di Torino ha denunciato l’ennesimo atto intimidatorio sui propri social, spiegando come simili gesti non la intimidiscano ma la spronino a continuare il proprio lavoro: “Continuerò a fare il mio lavoro con la massima determinazione, avanti con forza”, scrive infatti la Appendino che poi aggiunge: “Questi tentativi di intimidazione non sortiscono alcun effetto e, anzi, spronano a continuare a svolgere il mio ruolo di Sindaca con la massima determinazione”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

L’appoggio di Salvini e Chiamparino alla sindaca di Torino

In queste ore sono arrivati diversi messaggi di sostegno alla sindaca di Torino, tra questi spicca quello di Matteo Salvini che sulla vicenda ha dichiarato: “Da uomo e da ministro totale sostegno e solidarietà al sindaco e alla mamma Chiara Appendino, con cui da tempo lavoro per restituire legalità e sicurezza ai torinesi”. Parole di sostegno sono giunte anche dal presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, il quale ha detto: “Un altro vergognoso tentativo di intimidazione contro la sindaca Chiara Appendino. A lei va tutta la mia vicinanza e solidarietà umana e politica”.