Home News Ragazza morta, fatale una ischemia mentre aspettava da ore in ospedale

Ragazza morta, fatale una ischemia mentre aspettava da ore in ospedale

CONDIVIDI
ragazza morta
Ragazza morta in ospedale due anni fa, il caso si riapre – FOTO: Facebook

La sfortunata Francesca Debuggias morì in sala d’attesa nell’ospedale di Nuoro dopo ore ed ore. La famiglia è convinta che ci siano state delle negligenze, il caso si riapre.

Aveva soltanto 23 anni la ragazza morta all’ospedale di Nuoro quasi due anni fa. Era il 19 luglio 2017 quando la povera Francesca Debuggias perse la vita dopo ore ed ore di attesa. La giovane si recò al nosocomio sardo in seguito ai dolori insopportabili che provava alla testa. Ed ora il gip ha stabilito una nuova perizia su questo decesso che molto probabilmente si sarebbe potuto evitare. La sfortunata Francesca andò al pronto soccorso ignara di avere una ischiemia cerebrale, che finì con lo stroncarla sei ore dopo. Si apprende che il suo caso venne trattato come un semplice codice verde invece. La cui gravità era stata stabilita come non grave. La famiglia della ragazza morta da allora sta portando avanti una battaglia per cercare di apprendere la verità, e ci sono anche stati anche degli altri accertamenti.

LEGGI ANCHE –> Jeremy Kyle Show, il controverso show sospeso dopo il suicidio di un partecipante

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ragazza morta, ora ci si affida ad una seconda perizia

Mai però si è giunti ad una conclusione soddisfacente, e mai si è capito se davvero la morte di Francesca si sarebbe potuta evitare. Una indagine interna all’ospedale di Nuoro avrebbe ribadito la mancanza di negligenza, cosa alla quale anche la Procura aveva dato adito. Ma la richiesta di archiviazione venne respinta dal gip, ed ora si procederà con una nuova perizia. Nella stessa questa volta si dovranno risolvere tutti i dubbi non efficacemente sciolti in quella precedenza. Per la famiglia di Francesca delle negligenze ci sono state, altrimenti non si spiegherebbe per quale motivo una persona con una ischemia in corso ha dovuto aspettare per ben 6 ore in attesa di essere sottoposta alle cure del caso.