Silver King: chi era il wrestler morto di infarto sul ring

0
4

Tutto su Silver King: ecco chi era il wrestler morto di infarto sul ring, la sua carriera da lottatore e il ruolo da protagonista al cinema.

silver king
(screenshot video)

Il wrestler Silver King, vero nome César Cuauhtémoc González Barrón, è morto di infarto sul ring all’età di 51 anni, lasciando sotto choc il mondo del wrestling. Il lottatore ha intrattenuto il pubblico in tutto il mondo, ed è stato uno straordinario nella divisione Cruiserweight della WCW alla fine degli anni ’90. Ma non solo: è stato anche uno dei protagonisti al cinema del film con Jack Black ‘Super Nacho‘.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Tutto quello che c’è da sapere su Silver King

César González è cresciuto nel wrestling; suo padre, il dottor Wagner, era un noto lottatore degli anni ’60 fino a quando un incidente d’auto terminò la sua carriera di wrestling nel 1986. Ha un fratello, Juan Manuel González Barrón (Dr. Wagner, Jr.), anche egli impegnato a livello agonistico. Dopo aver esordito a metà anni Ottanta, negli anni Novanta, Silver King formò una squadra con El Texano che sarebbe diventato noto come “The Cowboys” / “Los Cowboys”. Il duo di lottatori ha vinto praticamente tutto, affermandosi come due tra i più noti wrestler al mondo.

Silver King è entrato a far parte della World Championship Wrestling nel 1997, proseguendo anche qui la sua storia di successi molto lunga. La sua partita più importante è stata una sfida infruttuosa per il campionato WCW Cruiserweight contro Juventud Guerrera a Fall Brawl. Ha anche fatto parte del Latino World Order fondato da Eddie Guerrero, altra leggenda di questo sport. Nel 2005, González è stato scelto come il cattivo del film Super Nacho. Gli venne accreditato un figlio lottatore, ma Silver King denunciò la cosa come una truffa. Durante un incontro contro Juventud Guerrera l’11 maggio 2019, González ha subito un ictus sul ring e morì poco dopo da un attacco di cuore. Tanti i wrestler che gli rendono omaggio, da Eric Bischoff a Tommy Dreamer, passando per Chris Jericho.