Home News Sparatoria a Napoli: preso l’uomo che ha ferito la piccola Noemi

Sparatoria a Napoli: preso l’uomo che ha ferito la piccola Noemi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:29
CONDIVIDI

preso l'uomo che ha ferito NoemiMentre la città campana si riunisce all’esterno dell’ospedale Santobono per stare accanto alla piccola Noemi e pregare che si salvi, la polizia avrebbe arrestato il colpevole della sparatoria a Napoli.

Una settimana fa Napoli si è tramutata nel far west per un pomeriggio: due sicari a bordo di una motocicletta hanno dato vita ad una sparatoria a piazza Nazionale (quartiere dell’Arenaccia) la cui finalità era un regolamento di conti. L’obbiettivo è stato centrato, ma i colpi esplosi hanno raggiunto anche una donna e la sua nipotina (Noemi) che stavano tranquillamente passeggiando per le vie della città.

Ieri notte centinaia di persone si sono riunite all’esterno dell’ospedale Santobono in cui è ricoverata la bambina di 4 anni. Una manifestazione silenziosa in cui i partecipanti hanno acceso delle fiaccole in segno di vicinanza alla famiglia della piccola Noemi e in segno di speranza per una miracolosa guarigione. Numerosi gli striscioni di incoraggiamento per la piccola, i giocattoli ed i disegni lasciati presso i cancelli dell’ospedale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sparatoria a Napoli: la polizia arresta il colpevole

Nel contempo arrivano buone notizie sul fronte investigativo, secondo quanto rivelato da ‘Fanpage‘, la polizia avrebbe rintracciato ed arrestato l’autore della sparatoria. Nel corso del blitz, le forze dell’ordine avrebbero arrestato pure la persona che in questi giorni ha nascosto l’uomo. Le indagini sono state coordinate dalla procura di Napoli ed hanno visto la collaborazione di Carabinieri e Polizia. Già nei giorni scorsi era stata data notizia che le indagini avevano portato all’identificazione del colpevole. Fondamentali in tal senso sono state le registrazioni delle telecamere di Piazza Nazionale. In queste ore tutte le prove raccolte ed i resoconti delle indagini sono stati portati all’attenzione della procura campana.