Integratori alla curcuma: allarme per la salute, rischio epatite A

Attenzione alla marca di integratori alla curcuma: allarme per la salute, rischio epatite A segnalato dall’Istituto Superiore di Sanità.

(foto pubblico dominio)

La curcuma, pianta originaria dell’Asia sud-orientale e largamente impiegata come spezia, è considerata un toccasana per la salute, tant’è che ad esempio viene impiegata per combattere l’influenza, oppure è ottima per il benessere della pelle. Ma in queste ore, legato ad una marca di integratori alla curcuma, viene lanciato un allarme per la salute. Sono stati infatti individuati 2 casi di epatite acuta colestatica che si sono risolti favorevolmente legati al consumo di questi integratori.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Quale prodotto alla curcuma è a rischio?

L’allarme è stato lanciato dall’Istituto Superiore di Sanità, legato al consumo degli integratori alimentari a base di curcuma della ditta NI.VA di Destro Franco & Massetto Loretta S.N.C con sede legale in via Padova 56, Vigonza (PD), prodotti dallo stabilimento FRAMA S.R.L. sito in via Panà 56/A, Noventa Padovana (PD). La denuncia, che rilancia l’allarme dell’ISS, è di Giovanni D’Agata presidente dello “Sportello dei Diritti”.

Questi ha spiegato quanto accaduto, sottolineando come “la ditta ha confermato di aver attivato il ritiro ed il richiamo dei prodotti nel proprio sito web. L’avviso di richiamo degli integratori è stato pubblicato sul nuovo portale dedicato alle allerte alimentari del Ministero della salute”. L’invito è a non consumare il prodotto se lo si ha in casa, in attesa delle dovute verifiche in croso.