Omicidio Pamela Mastropietro, la requisitoria della pubblica accusa

0
5

Omicidio Pamela Mastropietro, sul banco degli imputati Innocent Oseghale: la requisitoria della pubblica accusa, particolari macabri.

Pamela Mastropietro
(Facebook)

Giunto alle fasi finali il processo per l’omicidio di Pamela Mastropietro, la giovane uccisa e fatta a pezzi a Macerata. Per il suo efferato omicidio è in carcere Innocent Oseghale, mentre per Lucky Awelima e Desmond Lucky sono cadute le accuse sul caso e rimangono quelle per spaccio di eroina. Il nigeriano 29 anni, in carcere a Marino del Tronto, ha sempre sostenuto la tesi dell’overdose, ma la Procura non crede alla sua versione dei fatti. Per questo deve rispondere di diversi reati, da omicidio volontario aggravato a vilipendio, distruzione, occultamento di cadavere e violenza sessuale.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

La richiesta dell’accusa: ergastolo per Oseghale

Al processo oggi è stata proprio la volta della pubblica accusa, portata avanti dalla pm Stefania Ciccioli, la quale ha evidenziato senza dubbi: “Abbiamo la certezza assoluta che non vi è stata overdose, non è stata l’assunzione di quel minimo quantitativo di eroina a cagionare la morte di Pamela Mastropietro”. Insomma, ad agire sarebbe stato Innocent Oseghale e l’accusa si basa sulle consulenze del medico legale Mariano Cingolani e del tossicologo Rino Froldi. Dunque, “la morte di Pamela è avvenuta per le due ferite penetranti alla sede basale emitoracica destra dovendosi escludere l’overdose”.

“Voleva fuggire, è stata uccisa perché voleva sottrarsi a Oseghale. Prima di essere uccisa, è stata costretta a subire violenza sessuale e l’autore di questa violenza è stato Innocent Oseghale” – sostiene la pm Stefania Ciccioli – “Oseghale ha compiuto atti sessuali senza il consenso di Pamela che si trovava in quel momento sotto effetto di sostanza stupefacente e non ha mai potuto esprimere un valido consenso a intrattenersi sessualmente con la persona che aveva davanti”. Di fronte a queste prove, la pubblica accusa ha chiesto l’ergastolo per Innocent Oseghale.