Liverpool-Barcellona, il raccattapalle eroe che ha permesso il gol del 4-0 – VIDEO

0
3
Il raccattapalle eroe che ha permesso il gol de 4-0
(Getty Images)

Nella strepitosa vittoria del Liverpool sul Barcellona di ieri sera c’è anche la mano di un reattivo raccattapalle che con la sua prontezza di riflessi ha permesso il gol del 4 a 0.

Nello stadio di Anfield, ieri sera, i tifosi del Liverpool hanno vissuto una serata magica che rimarrà negli annali della storia del calcio al pari di quella finale di Istanbul in cui i “Reds” recuperarono uno 0-3 nel secondo tempo. La squadra di Jurgen Klopp ha infatti rimontato il 3-0 subito all’andata al Camp Nou con una prestazione sontuosa fatta di intensità, carattere e qualità.

Nessuno, a parte forse i calciatori del Liverpool, si sarebbe atteso che la squadra britannica sarebbe riuscita nell’impresa di recuperare uno svantaggio così ampio contro una delle squadre più forti del mondo. Ieri sera, però, gli uomini del tecnico tedesco hanno sorpreso tutti, riuscendo addirittura a chiudere la pratica Barcellona nei tempi regolamentari.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Liverpool-Barcellona: il raccattapalle eroe che ha permesso il gol del 4-0

Questa mattina i quotidiani sportivi di tutto il mondo hanno celebrato l’impresa eroica degli inglesi ed il tonfo colossale del Barcellona. Tanti i nomi dei protagonisti esaltati dalla stampa: Fabinho per aver annullato l’estro di Messi, Allison per essersi fatto trovare pronto quando c’era bisogno, Origi per aver aperto e chiuso la partita con due gol che impreziosiscono una partita di qualità e quantità, Wijnaldum per una prova mostruosa a centrocampo (e per i due gol) e Alexander-Arnold per aver fornito assist ed essere stato una spina nel fianco per la difesa del Barcellona.

C’è però un protagonista oscuro della serata che quasi nessuno ha celebrato: il raccattapalle che ha permesso il gol del 4-0. Al 79′ il Liverpool ottiene un calcio d’angolo, il ragazzo consegna rapidamente il pallone al terzino prima che quello in gioco finisca fuori dal rettangolo verde, quindi raccoglie con prontezza di riflessi l’altro, evitando che sbatta contro i tabelloni e torni in campo permettendo alla difesa del Barcellona di piazzarsi. Il resto lo ha fatto Alexander-Arnold che, visti gli avversari spiazzati, ha calciato con rapidità il calcio d’angolo pescando un solissimo Origi.

Fabio Scapellato