Denver, sparatoria in una scuola: il bilancio è di 1 morto e 8 feriti

0
5
il bilancio è di un morto e 8 feriti
(Getty Images)

Vent’anni dopo la strage di Columbine, Denver viene nuovamente colpita da un atto di orribile violenza: questa mattina c’è stata una sparatoria in una scuola, il bilancio è di un morto e 8 feriti.

Nel 1999 la città di Denver ha conosciuto il terrore quando due studenti hanno aperto il fuoco contro compagni di scuola ed insegnanti a Columbine. In quella occasione persero la vita 12 persone ed il tragico evento venne posto sotto la luce dei riflettori per cercare di mostrare al mondo le orribili conseguenze di quel gesto di follia. Questo non è servito a dissuadere altri dall’emulare simili atti di odio: negli anni a seguire sono stati numerosi gli eventi che si sono ispirati a quell’atto di insensata violenza ed ogni anno, negli Stati Uniti, si verifica almeno un’episodio simile.

In questo 2019, in occasione del ventennale della strage di Columbine (il 20 aprile), la maggior parte delle scuole di Denver sono rimaste chiuse per evitare che qualcuno volesse compiere un atto di emulazione. Sebbene nulla si sia verificato in quel giorno, la violenza è stata solamente rinviata: due studenti in possesso di armi da fuoco, sono entrati nelle scorse ore nel cortile della Stem School Highlands Ranch, scuola che accoglie 1850 studenti (dalle elementari al liceo), a soli 8 chilometri di distanza da Columbine, ed hanno aperto il fuoco sugli studenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Sparatoria in una scuola di Denver: arrestati due sospetti, uno è un minorenne

Il bilancio della sparatoria è tragico: uno studente è morto prima che potessero arrivare i soccorsi, mentre altri 8 si trovano ricoverati in ospedale. Immediato l’intervento della polizia che ha già arrestato due sospetti: si tratta di due studenti della scuola, un 18enne ed un minorenne, trovati in possesso di una pistola. Al momento non è chiaro quale sia il movente del folle gesto, né se il ragazzo ucciso fosse l’obbiettivo dell’attentatore.

In queste ore è giunto anche un comunicato della Casa Bianca in cui lo staff del presidente si dice vicino al dolore delle famiglie: “Le nostre preghiere sono per le vittime, per i familiari e per coloro affetti dalla sparatoria alla Stem School Highlands Ranch a Littleton, in Colorado. Tragicamente questa comunità e coloro che la circondano conoscono troppo bene questi odiosi ed orribili atti di violenza”.

Fabio Scapellato