Home News Omicidio Vannini, testimone choc: “Ha sparato Federico Ciontoli, me l’ha detto Antonio”

Omicidio Vannini, testimone choc: “Ha sparato Federico Ciontoli, me l’ha detto Antonio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:23
CONDIVIDI

"Ha sparato Federico Ciontoli, me l'ha detto Antonio"In un’intervista concessa a ‘Le Iene’, un testimone ha confidato che a sparare a Marco sarebbe stato Federico Ciontoli. A rivelargli questo dettaglio sarebbe stato l’ex maresciallo Roberto Izzo.

Dopo lo speciale di due settimane fa, in cui Giulio Golia ha fatto una ricostruzione di quanto accaduto la sera della morte di Marco Vannini evidenziando le incongruenze delle testimonianza offerte dalla famiglia Ciontoli, le Iene sono tornate ad occuparsi dell’Omicidio Vannini nel corso della puntata di ieri. Dopo la puntata dedicata all’intricato caso di cronaca nera, infatti, la iena è stata contattata da un testimone che diceva di avere informazioni importanti sul caso.

Nel corso dell’intervista, andata in onda nella puntata di ieri sera, il testimone ha confidato di essere a conoscenza di dettagli sulla dinamica dell’accaduto. Pare infatti che questo fosse molto amico dell’ex maresciallo della caserma di Ladispoli (la stessa in cui Antonio Ciontoli ha offerto la prima deposizione) e che questo gli abbia confidato che a sparare non è stato Antonio: “Mi ha detto che Antonio Ciontoli chiamò proprio lui per primo. L’ex comandante sapeva che a sparare a Marco fu Federico, ma lui gli consigliò di prendersi la colpa.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio, Roberto Izzo risponde alle accuse: “Ho giurato in tribunale, finiamola”

Se la testimonianza offerta alle Iene dal nuovo testimone dovesse rivelarsi corretta, tutto l’iter processuale risulterebbe falsato. Inoltre darebbe peso ai sospetti dei genitori di Marco che da tempo sono convinti che Antonio si possa essere preso la colpa dell’accaduto per evitare  conseguenze gravi ad uno dei figli. Proprio per questo motivo, Giulio Golia è tornato a parlare con Izzo per capire quanto di vero ci fosse nella nuova testimonianza. L’ex Maresciallo dei Carabinieri ha risposto alle domande negando che le nuove informazioni siano veritiere: “Questa storia sta diventando imbarazzante un po’ per tutti. Io ho giurato davanti a un tribunale di dire la verità”.