Home News Meghan Markle, dopo il parto fuga da Londra: ecco dove andrà

Meghan Markle, dopo il parto fuga da Londra: ecco dove andrà

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:55
CONDIVIDI
ecco dove andrà
(Getty Images)

Stando a quanto rivelato dai tabloid britannici Meghan Markle avrebbe deciso di lasciare Londra una volta che avrà dato alla luce il suo primogenito: ecco dove potrebbe andare.

Nelle ultime ore l’attenzione dei media britannici è quasi totalmente rivolta a Meghan Markle ed alla sua gravidanza. Il parto della duchessa del Sussex era previsto per questo periodo, ma pare che il travaglio non sia ancora iniziato. Nei giorni scorsi era stata messa in giro la voce che il primogenito di Harry e Meghan fosse già nato e che i duchi del Sussex avessero volutamente nascosto la notizia per godersi questo momento in serenità, stando alle ultime informazioni, però, pare che il piccolo non sia ancora nato e che nelle prossime ore la duchessa possa essere costretta ad un parto indotto farmacologicamente.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Meghan Markle: fuga da Londra dopo il parto, dove andrà?

In attesa di avere certezza che il primo figlio di Harry sia nato e stia bene, i tabloid britannici vanno avanti con le speculazioni e suggeriscono che la coppia possa lasciare Londra una volta nato il bambino. Il rumor è legato ai presunti dissidi che ci sono all’interno della famiglia reale e che vorrebbero l’ex attrice non molto gradita agli altri componenti. Già nei mesi passati era uscita tale indiscrezione, in base alla quale i duchi del Sussex avrebbero abbandonato Buckingham Palace proprio per allontanarsi dai parenti.

Secondo l’ultima voce di corridoio, però, la fuga di Meghan dalla vita regale porterebbe ad una meta molto più lontana: la duchessa avrebbe in mente di acquistare una villa in California dove passare il primo periodo della maternità con il figlio ed il marito. In questo modo l’ex attrice farebbe ritorno a casa e si allontanerebbe dall’asfissiante attenzione dei media britannici, nonché dalla pressione degli impegni istituzionali.