Home News Andrea Cardella ringrazia Barbara D’Urso: “E’ l’unica che mi aiuta”

Andrea Cardella ringrazia Barbara D’Urso: “E’ l’unica che mi aiuta”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:55
CONDIVIDI
"E' l'unica che mi aiuta"
(Screenshot Video)

Andrea Cardella, figlio adottivo di Marina Ripa di Meana, ha voluto ringraziare Barbara D’Urso, l’unica ad avergli dato una mano dopo la morte della madre.

Dopo la morte della madre adottiva, Marina Ripa di Meana, Andrea Cardella sta vivendo un periodo difficile. Da un lato c’era il dolore per la perdita di una donna che si è preso cura di lui e gli ha dato una casa, dall’altro c’erano le difficoltà legate alla mancanza di lavoro e di ingressi economici. In una recente intervista concessa al settimanale ‘Nuovo‘, Andrea ha spiegato che dopo il funerale della madre in molti gli hanno promesso che lo avrebbero aiutato, ma che alla fine non è stato così: “Sono disoccupato. Molti personaggi famosi mi avevano fatto promesse, ma poi non le hanno mantenute”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Andrea Cardella: “Barbara D’Urso è l’unica che mi abbia aiutato”

Quello di Andrea è un appello disperato al mondo del lavoro, il figlio di Marina Ripa di Meana è disposto a fare qualsiasi cosa pur di risollevarsi da questo momento difficile e lo ripete anche nel corso della lunga intervista concessa al settimanale: “E’ stata Marina ad insegnarmi che il lavoro nobilita le persone e soprattutto la loro anima. Per lei facevo di tutto”. Se la maggior parte degli amici storici della madre hanno fatto delle promesse che non sono state mantenute, lo stesso non può dirsi per Barbara D’urso la quale, dice Andrea: “Mi sta dando una mano invitandomi come opinionista nei suoi programmi. Devo ringraziarla di cuore!”. Proprio Barbara D’Urso, infatti, gli ha concesso la possibilità di esporre i propri problemi e lo ha fatto partecipare a diversi programmi in qualità di ospite o opinionista. Recentemente Andrea è stato ospite anche di ‘Storie Italiane’, programma nel quale ha lanciato per la prima volta un’appello al mondo lavorativo.