Home News Torino, insulti alla polizia durante un corteo, licenziata la maestra

Torino, insulti alla polizia durante un corteo, licenziata la maestra

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00
CONDIVIDI


Torino, insulti alla polizia durante un corteo, licenziata la maestra. E’ stata licenziata, secondo quanto stabilito dal giudice Mauro Mollo del Tribunale di Torino la maestra di 38 anni Flavia Lavinia Cassaro. Aveva insultato la polizia durante un corteo di protesta per un evento elettorale di Casa Pound.

Licenziata maestra che aveva insultato la polizia durante un corteo

Dovrà lasciare il proprio lavoro, Flavia Lavinia Cassaro. La maestra di 38 anni è stata infatti licenziata a seguito della decisione del giudice Mauro Mollo del Tribunale di Torino di convalidare quanto già proposto dall’Ufficio scolastico regionale del Piemonte e valutato in questa direzione anche dal Ministero dell’Istruzione, in relazione ai fatti compiuti dalla donna il 22 febbraio 2018, durante una manifestazione antifascista tenutasi a Torino. La maestra in quell’occasione era stata ripresa mentre inveiva e rivolgeva insulti contro la polizia ed era stata indagata per oltraggio a pubblico ufficiale.

Ecco come sono stati reputati dal giudice i comportamenti della maestra Cassaro

A nulla è valso il ricorso presentato dalla stessa, avvalendosi anche del supporto del sindacato Cub Scuola. Il corteo dei manifestanti si oppose in quell’occasione alle forze dell’ordine che tentavano di fronteggiare l’avanzata dello stesso verso il luogo nel quale si stava svolgendo un evento elettorale di Casa Pound. Istigazione a delinquere, oltraggio a pubblico ufficiale e minacce sono stati gli elementi sui quali è stata indagata la maestra Cassaro, il cui comportamento è stato reputato dal Tribunale di Torino di particolare gravità, contrario ai doveri educativi propri del suo ruolo e in contrasto con il rispetto dell’ordinamento, in violazione alle regole di civile convivenza. Il giudice ha inoltre ritenuto che i comportamenti della maestra Cassaro abbiano “portato grave pregiudizio alla scuola, alla pubblica amministrazione, agli alunni, alle famiglie”. Per questo ha stabilito la drastica conseguenza per lei del licenziamento.
BC
Leggi tutte le notizie su Google News