Home News Cristiano Ronaldo, la nuova auto Bugatti “La Voiture Noire”: ecco quanto vale

Cristiano Ronaldo, la nuova auto Bugatti “La Voiture Noire”: ecco quanto vale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:36
CONDIVIDI

Bugatti La Voiture NoireCristiano Ronaldo, la nuova auto Bugatti “La Voiture Noire”: ecco quanto vale. 

Cristiano Ronaldo, forse per festeggiare il 600esimo gol con squadre di club o per lo scudetto juventino si è fatto un regalo, un’auto che va ad ampliare il suo già immenso parco macchine di lusso. Si tratta di una bellissima Bugatti “La Voiture Noire”ultimo modello di punta presentato dalla casa francese appena presentato nell’ultimo Salone di Ginevra. Si tratta di un modello che Stephan Winkelmann, presidente della Bugatti, ha presentato così: “La nostra storia non è solo un privilegio, ma anche una grande responsabilità. Stiamo proiettando velocità, tecnologia, estetica e lusso verso una nuova era. Non c’è nessuna vettura al mondo con un motore così, è il cuore del veicolo e un capolavoro di tecnica e maestria meccanica”.

L’auto può  raggiungere i 420 chilometri all’ora ed è ispirata ad un modello perso nel 1938 allo scoppio della seconda Guerra Mondiale. Ne verrà prodotta una sola unità e sarà proprio quella di Cristiano Ronaldo. Il costo è in linea con tutto quanto abbiamo appena detto ed ammonta a 11 milioni di euro.

Cristiano Ronaldo spende 18 mila euro per un cambio d’olio: ecco perché

Una cifra del genere sembra paradossale, sopratutto se si pensa che con 100 euro in meno vi potreste accaparrare una Alfa Mito nuova di zecca e con una spesa ancora inferiore potreste mettere le mani su altre auto appena uscite dal concessionario. Insomma l’esborso può sembrare uno sproposito, ma è giustificato dal lavoro che c’è dietro. Per cambiare l’olio alla Supercar francese, la Bugatti Veyron già posseduta da Ronaldo, è necessario smontare il contenitore dell’olio che è fissato con un’eccezionale quantità di bulloni da dover rimuovere e successivamente reinserire.

Leggi anche -> Cristiano Ronaldo, un calcio al passato: Una decisione simbolica, ma inattesa