Home News Ciao Darwin, la presa di posizione di Mediaset sul concorrente infortunato

Ciao Darwin, la presa di posizione di Mediaset sul concorrente infortunato

CONDIVIDI
ciao Darwin
Ancora polemiche a ‘Ciao Darwin’

Mediaset e la produzione di ‘Ciao Darwin’, trasmissione condotta da Paolo Bonolis su Canale 5, parlano del caso del concorrente paralizzato.

Sta facendo discutere la polemica sorta intorno a ‘Ciao Darwin’ in merito agli infortuni anche molto seri capitati ad alcuni concorrenti. In particolare è finito sotto accusa il gioco del Genodrome, nel quale i partecipanti devono cimentarsi con alcuni rulli evitando la caduta in acqua. Si è parlato di un giovane che sarebbe rimasto paralizzato dal collo in giù durante una caduta, ma ora Mediaset e la produzione del programma televisivo in onda ogni venerdì su Canale 5 si esprimono in maniera ufficiale. Questa la nota che riguarda ‘Ciao Darwin’. “Canale 5, Paolo Bonolis e Sdl2005, società di produzione del programma “Ciao Darwin”, informano di aver preso contatti formali nei giorni scorsi con la famiglia del concorrente infortunato nel corso delle riprese della trasmissione. Oltre a manifestare vicinanza umana e rammarico per l’accaduto, Canale 5, Paolo Bonolis e Sdl2005 hanno chiesto informazioni esatte sulle condizioni del congiunto, al di là dei sommari resoconti di stampa, e si sono messe a disposizione per tutto quanto si rendesse necessario. È stato inoltre comunicato alla famiglia di aver già attivato la polizza assicurativa a copertura dell’infortunio”.

LEGGI ANCHE –> Chiara Ferragni, Icardi e gli altri “vip tirchi”, i fattorini li minacciano – FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Ciao Darwin, la famiglia del concorrente infortunato: “Non riesce più a muoversi”

Il concorrente infortunato è un tale Gabriele, 54 anni, originario di Roma. Il cugino di quest’ultimo a ‘Il Messaggero’ ha parlato di un necessario intervento chirurgico per l’uomo, che si è “perfettamente svolto. Ma ora dal collo in giù è del tutto immobile e le condizioni sono critiche”. E la famiglia di Gabriele ha parlato di “mancanza di sensibilità da parte della produzione. Infatti nonostante un fatto talmente grave, le registrazioni del programma sono continuate e sulle pagine social di ‘Ciao Darwin’ non si fa menzione di quanto successo. Anzi, vengono messe sempre e solo cose divertenti, ma del tutto fuori luogo dato quel che è accaduto”. Il programma intanto non andrà in onda il 26 aprile, ma non per queste polemiche bensì per un’altra scelta precisa.