Home News La Festa della Liberazione degli ultrà della Lazio: “Onore a Benito Mussolini”

La Festa della Liberazione degli ultrà della Lazio: “Onore a Benito Mussolini”

CONDIVIDI
ultrà lazio mussolini striscione
(facebook)

Nella tarda mattinata del 24 aprile, in piazzale Loreto a Milano, il gruppo ultrà della Lazio “Irriducibili” ha esposto uno striscione choc alla vigilia della Festa della Liberazione: “Onore a Benito Mussolini”

C’è un clima bruttissimo, nel giorno del ritorno della semifinale di Coppa Italia tra Milan e Lazio e soprattutto alla vigilia del 25 aprile, Festa della Liberazione. Nella tarda mattinata di mercoledì 24 aprile, a Milano, è apparso uno striscione vergognoso. Un insulto alla memoria di quanti hanno patito morte, umiliazioni e atrocità durante il regime fascista. “Onore a Benito Mussolini”. Questo il contenuto choc trasportato e messo in vista con fierezza da almeno 50 persone. La cui provenienza è rimasta tutt’altro che celata. Anzi, gli ultrà hanno badato bene a rendersi immediatamente riconoscibili con una firma in bella mostra.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Leggi anche -> Juventus, arrestato capo ultrà per mafia con altre 32 persone

Milano, striscione choc degli ultrà della Lazio alla vigilia della Festa della Liberazione: “Onore a Benito Mussoloni”

Lo striscione è stato realizzato ed esposto a Milano dagli Irriducibili, uno dei gruppi ultrà più pericolosi della Curva Nord e da sempre di chiaro stampo neo-fascista. Si è trattato di una provocazione in piena regola. Gli ‘onori’ a Mussolini sono stati manifestati in piazzale Loreto, lì dove il 29 aprile del 1945 venne appeso a testa in giù il corpo del Duce (e non solo) che era stato fucilato il giorno prima dopo essere stato catturato dai partigiani. E se il caso ha voluto che Milan-Lazio, semifinale di ritorno di Coppa Italia, si giocasse il 24 aprile, lo striscione arriva con un tempismo inquietante. Domani, infatti, si celebrerà la Festa della Liberazione. Un 25 aprile che nelle ultime settimane è già stato declassato da un’inopportuna disputa politica e al quale questa mattina è stato inferto un altro duro colpo. E’ probabile che le forze dell’ordine siano già al lavoro non solo per identificare i responsabili, ma anche per evitare che lo striscione possa in qualche modo arrivare allo stadio San Siro dove questa sera si disputerà la partita.