CONDIVIDI
notre dame tesori salvi
twitter @sadie_96

Una buona notizia arriva a poche ore dall’incendio che ha devastato Notre Dame, le opere d’arte e le reliquie religiose custodite nella Basilica sarebbero infatti ‘salve’.

Ora che le fiamme che si sono spenti e i fumi vanno via via scomparendo, a guardare la Cattedrale di Notre Dame si prova il senso d’angoscia di chi è consapevole che nulla sarà come prima. La gara di solidarietà per la ricostruzione del simbolo di Parigi è già iniziata, tra privati dell’alta moda e del petrolio. Chiaro, però, che anche ad opera conclusa si respirerà un’aria diversa. Non tutto è andato perduto, fortunatamente. Anzi, la Cattedrale custodiva con i suoi 850 anni di storia dei tesori dal valore inestimabile, tra opere d’arte e non solo. E nella sciagura di un incendio sulle cui cause si sta ora indagando (anche se le autorità, almeno in questa prima fase, non stanno prendendo in considerazione l’ipotesi dolosa) ci sono anche delle notizie positive.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

I tesori di Notre Dame tratti in salvo, ecco le reliquie religiose e le opere d’arte custodite

“Buone notizie: tutte le opere d’arte sono state salvate”. E’ così che il giornalista e architetto francese Nicolas Delesalle ha reso noto ai francesi e non solo, tramite il suo account Twitter, che i tesori della Cattedrale di Notre Dame sono stati messi al sicuro. Ma cosa c’era all’interno della struttura? Custodite vi erano tutte le reliquie della passione di Gesù Cristo che la monarchia francese aveva acquisito durante il medioevo. Tra quelle di maggior valore storico e spirituale spicca la Sacra Corona di spine, fascio di rami di 21 centimetri di diametro che ricopre la testa del Signore. La Corona viene esposta proprio durante la settimana santa e ogni primo venerdì del mese. Vanno poi menzionati anche un frammento della croce dove Gesù trovò la morte e uno dei chiodi della sua crocifissione, oltre ad altri capolavori come la Madonna di Parigi. Il sindaco Anne Hidalgo ha precisato che diverse opere sono state trasferite all’Hotel de Ville, sede del Comune dove abitualmente si tengono mostre.