CONDIVIDI
"Papà si divertiva molto"
(Screenshot Video)

Nel giorno del secondo anniversario della sua morte, Barbara Boncompagni ricorda il papà Gianni davanti ad Eleonora Daniele a ‘Storie Italiane’.

Il 16 aprile del 2017, lo storico produttore ed autore televisivo Gianni Boncompagni moriva lasciando tre figlie. A distanza di due anni da quel giorno di lutto, Barbara, la figlia più piccola, lo ricorda in un’intervista rilasciata ad Eleonora Daniele per il programma ‘Storie Italiane’. Il Gianni Boncompagni di cui parla Barbara è sopratutto il padre affettuoso, quello che nonostante i tanti impegni professionali non ha fatto mancare mai nulla a lei ed alle sue sorelle: “E’ stato un padre molto bravo, noi eravamo molto piccole quando i miei si sono separati, un anno io, e 3 e 6 anni le mie sorelle, lui si è tirato su queste bambine da solo”.

La donna spiega come a quel tempo Gianni avrebbe potuto decidere di mettere le figlie in collegio o affidarle alle cure dei nonni per ritagliarsi maggiore tempo libero, ma ha preferito essere un padre presente e godersi ogni aspetto della loro crescita. Barbara spiega inoltre che adesso che non c’è più non sente tristezza e ne spiega il motivo: “Ha lasciato un sacco di cose nell’aria, a cominciare dalla musica, e poi i modi di vivere, di essere, i modi di dire… non ti so spiegare bene ma non c’è tristezza”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Barbara Boncompagni ricorda il padre: “Si divertiva molto”

Nel corso dell’intervista rilasciata a ‘Storie Italiane‘, Barbara parla anche di uno dei più grandi successi del padre, quel ‘Non è la Rai‘ che ha segnato il suo passaggio a Mediaset dopo decenni di collaborazione con l’emittente pubblica e che ha di fatto segnato l’inizio degli anni ’90 per moltissimi giovani. Il programma non è stato solo un successo di pubblico, ma ha anche permesso a tantissime ragazze di lanciarsi nel mondo della televisione e del cinema, tra queste ovviamente anche Ambra Angiolini. Di quel periodo Barbara ricorda: “Lui si divertiva molto – racconta la figlia – ma lui ha fatto una vita pazzesca, piena di successi, si è divertito molto, ha scritto e fatto tante cose”.