CONDIVIDI

Strage di Erba, dopo le novità sul caso ora spunta anche un detenuto innamorato di Rosa Bazzi: ecco il gesto dell’uomo per amore.

Rosa Bazzi
(screenshot video)

A 12 anni dalla strage di Erba, il caso continua a far discutere: in queste settimane, soprattutto Azouz Marzouk, l’uomo che nella strage perse la compagna e il figlio, ha continuato a sostenere l’innocenza di Olindo Romano e Rosa Bazzi, i due coniugi reo confessi dell’accaduto. In particolare, il marocchino è arrivato a sostenere che gli assassini avrebbero addirittura testimoniato al processo. Intanto, anche la trasmissione televisiva ‘Le Iene‘ ha avviato una campagna mediatica che sembra puntare tutta alla revisione del processo.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Rosa Bazzi, la ‘presenza sospetta’ e il detenuto innamorato

Ieri il programma di Italia 1 ha intervistato Rosa Bazzi, per la prima volta in 12 anni, e la donna ha parlato di una “presenza sospetta” nella corte dell’abitazione dove si è consumato il dramma. Queste le parole della moglie di Olindo: “L’ho detto anche ai carabinieri, che quando siamo usciti abbiamo visto un signore, però loro non ci hanno neanche ascoltato. L’abbiamo detto pure al maresciallo Gallorini. Abbiamo visto un signore, con una borsa in mano, un giaccone e un cappello”.

La coppia continua intanto ad avere una certa esposizione mediatica ed emerge un dettaglio ‘curioso’: ci sarebbe un detenuto del carcere di Bollate, lo stesso in cui si trova Rosa Bazzi, che avrebbe rinunciato – durante un’udienza del tribunale di Sorveglianza – di accedere al beneficio del regime di semilibertà. Il motivo è sorprendente: il detenuto, infatti, avrebbe affermato di essere innamorato di Rosa Bazzi e per tale ragione di non avere intenzione di lasciare il carcere e quindi allontanarsi da lei. La notizia è riportata dal quotidiano ‘La Provincia di Como’.