CONDIVIDI
spero dica la verità
(Screenshot Video)

Nell’ultima puntata di ‘Domenica In’, anche Mara Venier ha parlato del caso Pamela Prati ed ha detto che spera che l’amica abbia detto la verità sul matrimonio ed i figli in affido.

Il matrimonio tra Pamela Prati e Mark Caltagirone è diventato un vero e proprio caso mediatico. La soubrette ha annunciato in diretta su ‘Domenica In’ che presto si sarebbe sposata e che già aveva ottenuto, insieme al futuro marito, l’affido di due bambini. Da quel momento diverse testate si sono occupate di ottenere informazioni sul promesso sposo, senza trovare risultati. Proprio l’assenza di informazioni sull’uomo ha fatto sì che venissero alimentati dei dubbi sul matrimonio e sull’esistenza stessa di Caltagirone.

Nonostante le continue smentite di Pamela Prati, sia tramite social che in diretta televisiva, le voci non si sono interrotte e, nell’ultima puntata di ‘Domenica In’, anche Mara Venier si è espressa a riguardo: “Pamela Prati è venuta qui qualche settimana fa, fa delle dichiarazioni e dà lì si scatena uno tsunami … Sono un po’ a disagio anche io. In tanti mi hanno chiamato per dirmi che non è vero, che sono tutte invenzioni… Io difendo Pamela. Non so quale sia la verità, ma mi auguro che Pamela sia una persona seria, che è venuta da un’amica e abbia detto la verità”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Selvaggia Lucarelli: “Pamela Prati? Se si è inventata tutto sarebbe triste”

Ospite di Mara Venier, Selvaggia Lucarelli si permette di sollevare qualche dubbio sulla versione di Pamela Prati e dice: “Quando la carriera è in una fase discendente diventa un po’ tutto legittimo per rinverdire la propria notorietà”. La giornalista, però, non esclude che la soubrette possa dire la verità su tutto: “Sempre che non ci sorprenda e sia tutto vero quello che ci sta raccontando, ci stava anche che s’inventasse un finto marito”. Per la Lucarelli, insomma, qualora Pamela Prati si fosse inventata un marito non ci sarebbe nulla di male. Quello che ritiene più grave è la questione dei bimbi in affido: “Quello che troverei squallido e sconcertante sarebbe inventare il discorso dei due bambini in affido, perché parlare di gioia della maternità in quel modo, sapendo che c’è un iter complicatissimo per avere bambini in affido da parte di famiglie che non possono avere figli… ecco, giocare con questa cosa qui, se non fosse vero, sarebbe tristissimo”.