Home News Riccardo Fogli in lacrime: “Ecco cosa mi ha detto mia moglie”

Riccardo Fogli in lacrime: “Ecco cosa mi ha detto mia moglie”

CONDIVIDI

Dopo tante settimane di fatica e tensione sull’Isola dei Famosi, Riccardo Fogli si è lasciato andare a un pianto liberatorio nel corso di una chiacchierata nel salotto di Verissimo.

Tante, troppo emozioni per riuscire a trattenere le lacrime. Riccardo Fogli, ex naufrago dell’Isola dei Famosi, ha dato sfogo alla fatica e alla tensione accumulate nelle settimane da protagonista del reality lasciandosi andare a un pianto liberatorio nello studio di Verissimo. Ma il pubblico gli ha fatto sentire tutto il suo affetto e il suo sostegno. E così, intervistato da Silvia Toffanin, il noto cantautore ha trovato la forza di dire tutto ciò che aveva in animo, nel bene e nel male. “Sono ancora sotto di 9 chili”, ha premesso, spiegando anche come mai non ha potuto prender parte prima alla trasmissione di Canale 5: “Fino a qualche giorno fa non stavo bene… Ora sto cercando di mangiare e ho fatto anche delle flebo”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Lo sfogo di Riccardo Fogli a Verissimo

Innanzitutto Riccardo Fogli ha voluto chiedere rispetto per sua moglie Karin, finita al centro di un polverone dopo le rivelazioni di un suo presunto tradimento: “Ci siamo ripromessi di non lasciarci mai – ha detto -, io non voglio perdere un minuto dei miei anni perché ho lasciato mia moglie sola in un casino come questo, mentre il mondo tentava di travolgerla, però non l’ha travolta. Io mi devo far perdonare. Karin sta bene, sta come una donna accusata di aver tradito il marito che è l’uomo più importante della sua vita. Per la prima volta ha preso un aereo, non so quanti elicottero, per venirmi a guardare negli occhi: quindi merita rispetto, rispetto!”. “Mia moglie – ha confessato il cantante – mi ha detto di non piangere perché tua figlia Michelle non ti deve vedere piangere”. Ma l’emozione è stata troppo forte….

Poi Riccardo Fogli non le ha mandate a dire a Marina La Rosa: “Sulla mia tomba scriveranno che ero un gentiluomo che scriveva belle canzoni, di lei scriveranno Gattamorta”. Ma ha aggiunto che non ha mai insultato l’ex gieffina; anzi, ha sempre cercato di esserle amico, mentre lei ha giocato d’astuzia e, al momento opportuno, è diventata aggressiva nei suoi confronti. Poi, dopo il sassolino tolto dalle scarpe, c’è stato un momento di commozione quando Roby Facchinetti ha letto all’amico una lettera molto commovente, esortandolo a “non piangere più”.

EDS