Home News Omicidio Sarah Scazzi, clamorosa svolta: nuova pista, aveva visto troppo?

Omicidio Sarah Scazzi, clamorosa svolta: nuova pista, aveva visto troppo?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:10
CONDIVIDI

nuova pista, aveva visto troppo?Nel corso dell’ultima puntata di ‘Pomeriggio 5’ si è tornati a parlare del caso Sarah Scazzi, per analizzare una pista mai battuta dagli investigatori e che potrebbe condurre ad una clamorosa svolta nel caso.

A quasi dieci anni dall’accaduto, le motivazioni che hanno portato alla morte di Sarah Scazzi rimangono tutt’ora un mistero. La giovane è scomparsa nell’agosto del 2010, il 26 dello stesso mese la madre della quindicenne ha presentato dal denuncia ai Carabinieri. Per circa un mese le ricerche andarono a vuoto, poi Michele Misseri (zio della ragazza) disse agli investigatori di aver trovato il cellulare della ragazza e di essere in grado di ritrovarla. I Carabinieri cominciarono a sospettare di lui e dopo un lungo interrogatorio ottennero la confessione: l’uomo disse di averla uccisa nel tentativo di stuprarla.

Questa linea continuò per qualche giorno, ma dopo successivi interrogatori cambiò versione ed ammise che la figlia Sabrina era coinvolta e che aveva cercato di coprirla. Iniziò un lungo processo nel corso del quale i protagonisti di questa assurda vicenda cambiano versione diverse volte. Alla fine la pista più concreta venne ritenuta quella della gelosia: Sabrina sarebbe stata innamorata di Ivano Russo e dopo aver visto che questo aveva una simpatia per la cugina decise di ucciderla. Nel febbraio del 2017 Sabrina e la madre Cosima sono state condannate per omicidio volontario, mentre Michele Misseri solamente per occultamento di cadavere e inquinamento delle prove.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Omicidio Sarah Scazzi: spunta una nuova pista, aveva visto troppo?

Nel corso della puntata di ‘Pomeriggio Cinque‘ di ieri, si è tornati a parlare del terribile delitto di Avetrana, analizzando una pista mai tenuta in considerazione dagli inquirenti. Pochi giorni prima della morte di Sarah era stata organizzata una festa nel villino sulla spiaggia a Torre Collimea, a cui la ragazza aveva preso parte. Pare che gli investigatori abbiano trovato all’interno dell’abitazione un bilancino ed una busta di cocaina. L’ipotesi è che Sarah avesse visto qualcosa che non doveva vedere. Questa sarebbe supportata da alcune intercettazioni telefoniche, una in cui Ivano Russo dice: “Qualcuno di noi ha parlato” all’amico Alessio Pisello, e l’altra in cui la madre di Ivano ipotizza: “Forse hanno tolto di mezzo la ragazza che ha visto qualcosa al villino di Don Cosimo, dove hanno fatto festa”.