Home News Chi è Sergio Favalli, l’imprenditore italiano liberato in Nigeria

Chi è Sergio Favalli, l’imprenditore italiano liberato in Nigeria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41
CONDIVIDI
sergio favalli chi è impreditore
(Facebook)

Altro successo per l’intelligence italiana, dopo due settimane è stato liberato l’imprenditore Sergio Favalli rapito in Nigeria a fine marzo: ecco cosa è successo.

Sergio Favalli torna a casa. Il 62enne imprenditore di Moretta (in provincia di Cuneo) era stato rapito a fine marzo mentre si trovava in Nigeria e da quel momento non si avevano più avuto notizie di lui. Una vicenda dolorosa per i familiari e per gli amici che in queste settimane sono comunque rimasti in contatto con i membri dell’Aise (Agenzia informazioni e sicurezza esterna), ovvero il servizio segreto per l’estero della Repubblica Italiana. E’ stata proprio l’intelligence italiana a conseguire un altro grande successo liberando Sergio Favalli nella mattinata di giovedì 11 aprile, a pochi giorni dal rientro in patria del connazionale Sergio Zanotti tenuto in ostaggio in Siria per 3 anni.

Per essere aggiornato su tutte le notizie: CLICCA QUI!

Rapito in Nigeria, l’imprenditore italiano Sergio Favalli liberato dai servizi segreti

Sergio Favalli si era trasferito in Nigeria da dipendente del Ferrero Plot Makero Road in quel di Kaduna, in Nigeria. Poi aveva scelto di restarci una volta andato via dall’azienda e aveva avviato un’autonoma attività imprenditoriale. E’ stato sequestrato mentre si trovava in taxi sulla strada tra Abuja e Kaduna e a dare l’allarme, per prima, fu la moglie nigeriana. Quest’ultima si era messa in contatto con un amico italiano il quale a sua volta si era rivolta alle autorità nazionali. E’ a quel punto che è iniziata l’attività dell’Aise, che in queste due settimane è stata in costante contatto con l’intelligence nigeriana. Fortunatamente, non è servito troppo tempo affinché il 62enne cuneese potesse essere liberato. L’imprenditore Sergio Favalli farà rientro in Italia in serata, accompagnato proprio dai servizi segreti italiani. Una storia conclusasi nel migliore dei modi e che segue quella di Sergio Zanotti di pochi giorni fa.