Home News Mark Caltagirone scrive a Non è la D’Urso: Pamela Prati nella bufera

Mark Caltagirone scrive a Non è la D’Urso: Pamela Prati nella bufera

CONDIVIDI
Pamela Prati nella bufera
(Screenshot Video)

Il futuro marito di Pamela Prati, Mark Caltagirone, ha scritto una lettera a ‘Live non è la D’Urso’, per chiarire il motivo per cui il suo volto non appare e per smentire le illazioni sul presunto finto matrimonio.

Nei mesi scorsi Pamela Prati ha dichiarato che si sarebbe sposata in Chiesa per il rito religioso con Mark Caltagirone, un imprenditore con cui sta da qualche anno, con cui si sarebbe già unita civilmente e con il quale avrebbe preso in affido due bambini. In seguito alle sue dichiarazioni, ‘Dagospia‘ ha cercato notizie su questo marito e non trovandone ha posto il dubbio che queste nozze potessero essere una mossa mediatica per tornare in auge.

All’illazione la showgirl ha risposto postando la foto delle partecipazioni alle nozze, ma le voci su quest’uomo senza un passato nel mondo dello spettacolo e senza informazioni chiare sui profili social sono continuate senza soluzione di continuità. Proprio per mettere a tacere tali voci, Mark Caltagirone ha deciso di scrivere una lettera a Barbara D’Urso, affinché venisse letta in diretta a ‘Live non è la D’Urso’.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Mark Caltagirone scrive alla D’Urso: “Pamela non ha bisogno di pubblicità”

Nella lettera, Mark si dice amareggiato per tutta la vicenda e spiega che la sua compagna non ha certo bisogno di inventare un finto matrimonio solo per apparite in televisione: “La Prati è in tv da 40 lunghi anni ed è stimata e rispettata da tutti, non le serviva di certo Marco per tornare a sedersi nella scatoletta magica”. Per quanto riguarda la mancanza di foto e d’informazioni personali, l’uomo spiega che il suo primo intento è quello di proteggere la propria privacy e che non ha intenzione di smettere di farlo per compiacere i giornali di gossip: “non voglio comparire in teatrini montati ad arte da qualche sito web per attaccare inutilmente le persone”.